Rispondi a: Obama si Obama no

Home Forum L’AGORA Obama si Obama no Rispondi a: Obama si Obama no

#113561

meskalito
Partecipante

Gli Stati Uniti guardano a Oriente. In Asia la prima visita della Clinton

Il centro di interesse della diplomazia statunitense targata Obama-Clinton sara' il
quadrante asiatico. E' quanto emerge dalla scelta, non ancora ufficiale, della prima missione all'estero del segretario di Stato Hillary Clinton. Quest'ultima, scrive il New York Times, a differenza dei suoi due predecessori Condoleezza Rice e Colin
Powell che aveva scelto l'Europa come viaggio d'esordio, snobbera' il vecchio continente e andra' in Giappone e Cina, facendo forse una puntata anche in Corea del Sud. Esclusa, al momento, una tappa mediorientale, visto che in Israele si vota
il 10 febbraio e una sua visita prima che il nuovo governo si insedi sembra difficile.

http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?newsid=103902

Commento di Fulford su economia giapponese

L'economia giapponese cade una rupe, e che è una buona cosa per il Giappone.

Gli ultimi dati economici provenienti dal Giappone (tra cui un 9,6% anno su anno caduta della produzione industriale) sembrerebbe indicare l'economia giapponese è caduto da una rupe. Anche se non ho analizzato in dettaglio i numeri, sono certo che la caduta della produzione industriale può essere collegato ad un calo delle esportazioni verso i paesi come gli Stati Uniti e molti paesi europei che hanno pagato per i prodotti giapponesi da prestiti da cittadini giapponesi per il passato 30 anni. Perdita di tali Deadbeat clienti sarà una buona cosa per il Giappone, a lungo termine, anche se sembra male per ora.

Quello che il governo giapponese deve fare adesso è vendere alcune delle sue vaste attività al fine di ridurre il debito nazionale. Dopo che lo troveranno facile da spendere grandi somme di denaro edificio cose (come vecchie case gente) la necessità Japanese people. Industria giapponese ha anche avviato riqualificazione si è impegnata a sviluppare tecnologie che sono state soppresse dagli Stati Uniti e interessi europei.

Le esportazioni giapponesi devono anche pagare una grande attenzione a nuovi mercati come l'India e l'Africa a sostituire la deadbeats. Naturalmente, il regime coloniale liberale democratica del primo ministro Taro Aso si aggrappano al potere fino a quando non è costretto a tenere le elezioni nel mese di settembre. Ciò significa che l'economia del Giappone è probabile che restino in caduta libera fino a settembre.

http://benjaminfulford.typepad.com/benjaminfulford/