Rispondi a: Obama si Obama no

Home Forum L’AGORÀ Obama si Obama no Rispondi a: Obama si Obama no

#114015

marì
Bloccato

Clima, Cina e Usa trattano in segreto

Tra i due giganti delle emissioni, rivela il Guardian, sono in corso dall'autunno scorso negoziati segreti sulla lotta al global warming. Si è parlato anche di quote di riduzione delle emissioni. Forse un accordo entro l'autunno. Una buona notizia in vista del vertice di Copenhagen?

Mentre mancano meno di 200 giorni al summit internazionale sul clima di Copenhagen, arriva una rivelazione che dà una speranza in più che al vertice si raggiunga un valido accordo. La notizia riguarda i rapporti tra i due giganti delle emissioni, Cina e Stati Uniti, che avranno un peso determinante per il futuro dell’accordo per il post-Kyoto. Già dall’autunno scorso – ha rivelato il Guardian ieri http://www.guardian.co.uk/world/2009/may/18/secret-us-china-emissions-talks- le due superpotenze avrebbero dato il via a negoziati segreti sul clima e non si esclude la possibilità che possano riuscire a trovare una linea d’azione ufficiale condivisa già per l’autunno, in tempo per Copenhagen.

Già nell’estate del 2008, per iniziativa cinese, sarebbero iniziati dei colloqui segreti, inizialmente per cercare una collaborazione nello sviluppo della cattura della CO2. Poi, negli ultimi due mesi dell’amministrazione Bush, una delegazione composta da repubblicani e democratici si sarebbe recata per due volte in segreto in Cina per parlare di lotta al cambiamento climatico. L’iniziativa – portata avanti tra gli altri da John Holdren, ora consulente scientifico della Casa Bianca e da altri che sono poi andati a coprire cariche importanti con Obama – avrebbe prodotto una bozza d’accordo già a marzo, solo due mesi dopo l’inizio del mandato del primo presidente Usa disponibile a sottoscrivere un accordo internazionale sul global warming. La bozza non è ancora stata firmata, ma secondo i diplomatici coinvolti nelle trattative segrete – scrive il quotidiano inglese – potrebbe essere la base per un accordo Cina-Usa sul clima.

Lo sforzo internazionale di Obama per il clima sarebbe quindi iniziato ancora prima del suo insediamento alla Casa Bianca e l’obiettivo prioritario posto è stato da subito di coinvolgere l’altro colosso delle emissioni mondiali. Anche nella diplomazia alla luce del sole gli Usa hanno sempre cercato di migliorare la relazione con la Cina; si pensi alle molte dichiarazioni in questo senso o alla visita http://www.guardian.co.uk/world/2009/feb/14/hillary-clinton-china-climate cinese del Segretario di Stato Hillary Clinton. Con i “canali segreti” però i negoziati avrebbero fatto notevoli progressi, arrivando già a parlare di riduzioni delle emissioni. Nella bozza di accordo di marzo – rivelano i diplomatici americani – c’erano impegni precisi di tagli alla CO2, collaborazione su tecnologie come la CCS e le motorizzazioni efficienti delle auto e il consenso delle due nazioni a collaborare per l’accordo di Copenhagen. La bozza avrebbe dovuto essere approvata già a marzo, con la visita del Ministro cinese per lo sviluppo Xie Zhenhua, ma ciò non è avvenuto. Troppo prematuro per i due paesi impegnarsi formalmente, dicono le fonti del Guardian.

La Cina ha sempre negato la possibilità di attuare riduzioni dei gas serra imposte dal’esterno, con l’argomentazione che avrebbero frenato lo sviluppo economico e, di conseguenza, minato il diritto alla ricerca del benessere della popolazione. Obiettivi ambientali ed energetici la Cina li ha già, ma non si si è mai parlato di riduzione netta delle emissioni, tantomeno concordata con altri paesi: nel piano quinquennale 2006-2010 c’è l’impegno (che il paese starebbe mantenendo) a far scendere l’intensità energetica (il rapporto tra Pil ed energia consumata) del 20% e a ridurre del 10% l’inquinamento.
Di recente http://qualenergia.it/view.php?id=915&contenuto=Articolo però il governo di Pechino aveva fatto alcune aperture, che fanno sperare in impegni più concreti per il prossimo piano quinquennale. Che le aperture fossero collegate anche ai negoziati segreti con gli Usa? Senza bisogno di ribadire l’importanza per il post-Kyoto degli obiettivi che Usa e Cina si porranno e del fatto che su questi trovino un accordo, non ci resta che aspettare i prossimi sviluppi nei rapporti tra le due superpotenze, “sorvegliate speciali” in vista del vertice di Copenhagen.

GM

20 maggio 2009

http://qualenergia.it/view.php?id=958&contenuto=Articolo