Rispondi a: Obama si Obama no

Home Forum L’AGORA Obama si Obama no Rispondi a: Obama si Obama no

#114135
Richard
Richard
Amministratore del forum

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-02-13/obama-punta-infrastrutture-224216.shtml?uuid=AaQiVTrE
Più tasse per tutti e soprattutto per i super ricchi, ma anche nuovi ingenti stanziamenti pro-crescita tra cui ben 476 miliardi per le infrastrutture: il budget 2012-2013 presentato ieri dal presidente Obama rispecchia in tutto e per tutto la visione democratica per il risanamento del Paese, in netto contrasto con il mantra repubblicano “meno tasse meno spese” ripetuto incessantemente da tutti i candidati in corsa per la presidenza Usa. La Finanziaria prevede una spesa pubblica complessiva di 3.800 miliardi e un aumento a 2.900 miliardi delle entrate grazie all'incremento delle aliquote e a un più severo trattamento fiscale di redditi alti, dividendi, capital gains ed eredità. Una Finanziaria quindi che intende raggiungere l'obiettivo professato dal presidente di ridurre il divario tra ricchi e poveri.

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2012-03-24/world-bank-medico-guida-081525.shtml?uuid=AbUJGKDF
Illustri credenziali accademiche, impegno sociale ed esperienza in un'organizzazione internazionale quale la World Health Organization. E, secondo indiscrezioni, l'appoggio di Hillary Clinton. Ma non un politico o diplomatico di prestigio o di carriera, né un finanziere o imprenditore di fama. Il presidente americano Barack Obama ha annunciato ieri una candidatura a sorpresa per la presidenza della Banca Mondiale, sperando di mettere a tacere le critiche di chi, Paesi in via di sviluppo e potenze emergenti in testa, vorrebbe spezzare il tabù che vuole un americano al vertice della World Bank – e un europeo a capo del Fondo Monetario: il prescelto è Jim Yong Kim, prelevato da una prestigiosa università del New Hampshire, il Dartmouth College.
Medico e antropologo, nato a Seul e cresciuto in Iowa, il 52enne Kim è alla guida del College come president dal 2009, primo americano di origine asiatica al vertice di una università della Ivy League. La sua carriera, che lo ha portato anche a laurearsi e insegnare a Harvard, non si è però limitata alle aule universitarie. È stato responsabile del Dipartimento per la lotta all'Hiv-Aids della World Health Organization.

——–
Banca del Mondo – Anche se la Banca del Mondo rappresenta 184 paesi, è guidata da un piccolo gruppo delle più potenti nazioni che promuovono i propri interessi. Il Presidente della Banca del Mondo, per esempio, viene nominato dal Presidente degli Stati Uniti ed è sempre stato un cittadino degli USA. Come per l'IMF, la Banca del Mondo fa Prestiti di Correzione Strutturale che mettono restrizioni sulla spesa. Per esempio, un prestito della Banca del Mondo può richiedere la privatizzazione dell'acqua a beneficio delle corporazioni transnazionali e mina i diritti delle popolazioni. In questo modo la Banca del Mondo può manipolare e controllare la crescita nel mondo in via di sviluppo a proprio beneficio.
http://www.altrogiornale.org/news.php?extend.7444