Rispondi a: CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Home Forum L’AGORA CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo Rispondi a: CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

#116299
Richard
Richard
Amministratore del forum

La Cina può diventare una potenza economica più grande degli USA entro due anni
di Jeremy Warner – «The Daily Telegraph».

Ecco una questione che potrebbe far andare di traverso i cornflakes a qualsiasi sanguigno americano .

Secondo il Conference Board, un’associazione di ricerca economica di ottima reputazione, la Cina supererà gli Stati Uniti quale maggiore economia mondiale nel 2012, o entro due anni…
http://www.megachipdue.info/tematiche/kill-pil/5029-china-may-be-bigger-economy-than-us-within-two-years-.html

6. Qual è la forma del mondo che verrà?

Decenni prima che il resto del mondo pensasse all’enorme influsso che la
Cina avrebbe avuto sulla scena mondiale, Edgar Cayce predisse grandi
cose per la Cina e la sua gente. In un’occasione Cayce disse ad un gruppo
di persone che alla fine la Cina sarebbe diventata “la culla del
cristianesimo, applicato nelle vite degli uomini,” (3976-29) suggerendo che
l’applicazione personale dei principi spirituali sarebbe diventata di massima
importanza per il popolo cinese. Poi Cayce continuò, avvertendo che ci
sarebbe voluto molto tempo per palesarsi ma che questo è il destino del
paese: “Sì, è molto lontano nel tempo come l’uomo conta il tempo, ma
solo un giorno nel cuore di Dio – perché domani la Cina si sveglierà.”

In un’altra occasione, in cui un editore trentaseienne fece domande sul
destino della Cina nel 1943, appena prima del suo viaggio in quel paese
per servire come missionario, Cayce promise cambiamenti sbalorditivi nel
paese che avrebbero portato a più democrazia e maggiore libertà religiosa.
Egli suggerì inoltre che alla fine l’apice della civiltà si sarebbe spostato
dall’occidente al popolo cinese: “E questi progrediranno. Perché la civiltà si
muove verso ovest.” (2834-3)
http://www.edgarcayce.it/media/setteprofnon.htm

G20, accordi senza vincitori
Braccio di ferro Usa-Cina
Il presidente in conclusione del summit di Seul: “Per noi cosa più importante è la crescita”. Ma non incassa l'impegno alla rivalutazione del renminbi. Impegno contro “azioni uniliterali di fronte a crescita diseguale”. Sistema di “allerta preventiva” in caso di squilibri commerciali. Passano le “regole Draghi” sulla sicurezza del sistema bancario
http://www.repubblica.it/economia/2010/11/12/news/g20_seconda_giornata-9022367/