Rispondi a: CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Home Forum L’AGORÀ CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo Rispondi a: CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

#117285

Anonimo

http://comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9577

CRISI DELL’EURO: CHI SONO LE VERE CICALE?
Postato il Lunedì, 26 dicembre @ 21:15:00 CST di supervice

DI YANIS VAROUFAKI
Contreinfo.info
La cosa sembra semplice: il sud europeo, spendaccione, imprevidente e oramai indigente, oggi ridotto a mendicare i sussidi a un nord virtuoso che giudica severamente questi errori irresponsabili, necessariamente irresponsabili, in una riedizione del vecchio apologo che oppone le formiche alle cicale. È davvero così? L'economista greco Yanis Varoufakis ci racconta la sua versione della favola, ma ne fa una lettura differente che rivaluta la distribuzione dei ruoli. Le formiche industriose, ci dice, si trovano sia nel nord che nel sud: sono quelli che lavorano duro e faticano ad arrivare alla fine del mese. Invece delle cicale disinteressate all'indomani, nella versione che ci propone bisogna piuttosto cercare dalla parte dei finanzieri che hanno riciclato i profitti ottenuti nel nord sotto forma di credito, indifferenti alle bolle e al sovraindebitamento che hanno provocato, rendendo comunque certo il collasso di questa pila di debiti.

Ecco una nuova versione della favola di Esopo, scritta su misura per il nostro “momento europeo nella storia”, in una circostanza in cui un collasso dell'Europa sembra certo a causa di una lettura errata della situazione. Ciò che segue tenta di offrire una visione alternativa, che sia più in linea con la prospettiva di un avvenire dignitoso per l'Europa.

Era unisce volta un greco chiamato Esopo che ha raccontai storia di unisce formica industriosa e di cicala imprevidente.

Da due anni i greci si sono guadagnati in tutto il mondo la nomea di cicale dell'Europa, con i tedeschi nel ruolo delle formiche. Ma questa reputazione oramai si applica anche alle regioni situate ad ovest e nello stesso nord (verso l'isola di smeraldo) e, Grecia a parte, anche altre nazioni vengono descritti con la stessa vulgata.

I piani per il recupero della Grecia, oggi tristemente celebri, hanno propagato l'idea che l’eurozona sia semplicemente divisa tra formiche del nord e cicale del sud. Adesso, quando la dolcezza delle giornate estive dell'euro è scomparsa così come il denaro facile in arrivo da Wall Street e dalla City, l'inverno del malcontento ci colpisce tutti, provocato dall’ozio delle cicale.

In effetti, la narrazione oggi predominante, nell’Europa avvolta dalle nebbie gelate di questo inverno terribile, descrive le cicale del sud che vengono a bussare alla porta delle formiche del nord, con il cappello in mano, elemosinando un aiuto dopo l'altro. Le formiche – è comprensibile – si tengono le proprie riserve e non accettano di agire se le cicale non promettono di emendarsi. In sintesi, le riserve accumulate dalle formiche in previsione di un duro inverno sono compromesse dalle cicale negligenti e affamate che rifiutano di riconoscere la loro prodigalità.

Il problema di queste attraenti favole per chiunque tenti di comprendere questa crisi, è che possono tutto perciò bene aiutare al comprensione che impacciarlo. Vorrei mostrare che la storia immateriale raccontata da Esopo, che potrebbe essere davvero appropriata a prima vista, contribuisce a prolungare i problemi attuali dell'Europa invece di fornire una soluzione. Il mio argomento è semplice: in Grecia si sono formiche e cicale così come in Germania, nei Paesi Bassi come in Portogallo, Austria, come nella vicina Italia. Ma, quando si prende per certo che tutte le formiche sono al nord e che tutte le cicali sono al sud, le medicine prescritte diventano tossiche.

E invece questa crisi ha fatto caricare una parte sproporzionata del fardello proprio sulle formiche. Ma queste formiche si trovano esclusivamente in Germania, nei Paesi Bassi o in Austria. E le cicale non sono esclusivamente greche, iberiche o siciliane. Ci sono formiche tedesche e formiche greche. Ciò che unisce queste formiche europee, del nord al sud, dell'est all'ovest, è che hanno lottato per unirsi agli altri nei momenti positivi e che ora devono lottare ancora di più con l'arrivo dei giorni cattivi. Allo stesso tempo, le cicale, tanto al nord quanto al sud, hanno goduto di una vita facile prima della crisi, e oggi si stanno facendo bene come al solito, attente come sempre a privatizzare gli utili e distribuire le perdite e le sofferenza (all’occorrenza, alle formiche).

Nella mia versione della celebre favola di Esopo – che conviene utilizzare per comprendere il crollo della zona euro – bisogna considerarsi sia cicale che formiche!

E chi sono queste formiche greche? Sono coppie che lavorano solo e che lavoravano prima di questa crisi in settori a scarsa produttività, come ad esempio le casse dei supermercati. Avevano in generale dei problemi a far quadrare i bilanci, per via dei bassi stipendi, delle cattive condizioni di lavoro, per un tasso di inflazione del loro umile paniere di beni e servizi bel al di sopra della media ufficiale. In particolare, dopo l'introduzione dell'euro, si sono arrampicati verso l’altro i prezzo dei generi alimentare e dei beni di prima necessità. Sono stati sottoposti incessantemente agli stimoli delle banche e di altri soggetti che gli hanno suggerito di sottoscrivere debiti per offrire ai loro figli quello che la televisione dice che sia imprescindibile per ogni bambino, e che il loro magro stipendio non poteva consentire. Con la crisi, alcuni hanno perso il lavoro, altri una parte del reddito, e la rate dei prestiti sono sempre là, le tasse sono aumentate e in molti hanno preso in considerazione di vivere senza elettricità, perché lo stato cerca di aumentare i prelievi mettendoli nelle bollette. L'avvenire di queste famiglie è oramai distrutto. Per di più, vengono descritti come i crudeli della storia (dell'euro o addirittura del mondo intero).

Quanto alle formiche tedesche, lavorano duramente in settori dove la produttività è in forte aumento (ad esempio i dipendenti della Volkswagen), ma sono relativamente poveri. Prima e dopo la crisi nell’eurozona, hanno dovuto lottare per sbarcare il lunario. L’aumento della produttività del loro lavoro, combinato con salari bassi e stagnanti, ha fatto salire i profitti alle stelle. Tutto questo ha portato a un surplus il cui volume è cresciuto rapidamente, in parte a causa di una redistribuzione della ricchezza che si è andata a scapito delle formiche tedesche e a beneficio dei loro datori di lavoro e in parte a causa dell’incremento dei proventi delle esportazioni (che sono aumentate con la diminuzione del costo del lavoro in Germania). Queste eccedenze hanno poi cercato rendimenti più elevati all'estero, a causa dei bassi tassi di interesse concessi in Germania. Poi le cicale tedesche (questi inimitabili banchieri che hanno l'obiettivo di massimizzare i guadagni a breve termine con sforzo pari a zero) hanno rivolto lo sguardo a sud in cerca di buoni affari.

Dopo anni caratterizzati da alti tassi di interesse e deficit di grandi dimensioni, il sud dell’eurozona era riuscito a limitare il differenziale dei tasso d’interesse con il nord. Tuttavia, questa differenza persiste, soprattutto nei prestiti alle famiglie e nel credito al consumo, dove è rimasta significativa. In modo che la capitale tedesca (costruita dal duro lavoro delle formiche tedesche e gestito dalle irresponsabili cicale tedesche) ha preso la via del sud, in cerca di rendimenti più elevati. Cosa succede quando arriva all’improvviso un mare di denaro? Si formano le bolle. È così semplice. In Spagna, c’è stata la bolla immobiliare. In Grecia queste bolle sono apparse sotto forma di debito, perché le cicale greche (note anche come promotori finanziari) hanno capito che era più semplice catturare i flussi di capitale tedeschi nei conti di uno Stato i cui funzionari sono stati fin troppo disposti ad irrorare le loro cicale.

La forma che hanno assunto le bolle al sud non è importante. Dovevano scoppiare in ogni caso, una volta che la bolla più grandi creata dalle uber-cicale transatlantiche di Wall Street era scoppiata. Va quindi sottolineato che le formiche hanno capito come gli sforzi tedeschi non hanno portato una vita migliore, ma una difficile, con meno potere d'acquisto.

Salvataggi introvabili
Quando è arrivata la crisi, alle formiche tedesche è stato detto che avrebbero dovuto stringere la cinghia ancora una volta, anche se sono già colpite dalla povertà. Gli è stato anche detto che il loro governo stanzia miliardi per il governo greco. Siccome non gli è mai stato spiegato perché il governo sia autorizzato a usare il denaro per attutire il colpo subito dalle formiche greche (in realtà, questi prestiti sono stati concessi a condizione che lo shock venga massimizzato per ridurre al minimo la sofferenza delle cicale greche e tedesche), sono perplessi: perché dovremmo lavorare ancora più duramente, senza portare niente a casa? Perché il nostro governo dà soldi ai greci e non a noi?

Nel frattempo, le formiche greche provavano al tempo stesso disperazione e indignazione. Le cicale dei due paesi stavano puntato il dito su di loro, etichettandoli con ogni sorta di epiteti sgradevoli. Il loro stupore ha raggiunto livelli ineguagliabili quando gli è stato detto che avevano – a causa della loro prodigalità – minacciato di far collassare la civiltà per come la conosciamo. Grattandosi la testa, hanno cominciato a pensare che ci dovesse essere un errore da qualche parte, perché non avevano mai vissuto giorni tanto fausti in questo periodo d’oro di cui tutti parlano. Perché hanno lottato allora e continuavano a lottare oggi, e in modo ancor più disperato. Quanto a questi salvataggi, non si vedono semplicemente arrivare, perché nessuno ha precisato che questi miliardi di cui si parla atterrano nelle banche europee in via di fallimento, dove cadono in un pozzo senza fondo. E quando sentono che i tedeschi li trattano come fossero ladri, corrotti e spendaccioni, non è così difficile trovare nella memoria collettiva i ricordi della storia per cui diventa semplice essere anti-tedesco.

Una versione che si distanzia da Esopo
Prima della creazione dell'euro, simultaneamente è avvenuto qualcosa di notevole in Grecia e in Germania.

In Germania, il governo, i datori di lavoro e i sindacati si sono accordati per cercare di ristabilire la competitività tedesca, il lavoro e la crescita riducendo gli stipendi e, di conseguenza, tenendo l'inflazione del paese al di sotto della media europeo.

Allo stesso momento in Grecia, il governo in carica lottava per preparare il paese per l’adesione all’eurozona, spingendo per il ribasso degli stipendi reali, approfittando così dell’afflusso di immigrati nel paese.

L'esperienza tedesca è ben riuscita, anche dopo l'introduzione dell'euro. Gli stipendi reali si sono abbassato ancora e poi ancora. Il tasso di disoccupazione è stato ridotto. Le fabbriche hanno prodotto profitti su profitti con un costo inferiore. Le merci tedesche hanno inondato i mercati e, allo stesso tempo, questo successo tedesco ha abbassato il costo del denaro, inondando i paesi confinanti dell’eurozona, arrivando fino in Grecia. Le formiche tedesche hanno lavorato più duramente per ottenere meno mentre le cicale si rallegravano, andando a far visito al proprio banchiere.

Anche l'esperienza greca è stata coronata dal successo, fino a che la Grecia è entrata nell'euro. Dopo di che, l'afflusso a buon mercato proveniente dall’estero – dalla Germania e da Wall Street – ha permesso alle cicale greche e ai loro alleati del governo di chiedere in prestito ai loro omologhi tedeschi, le banche, come se non ci fosse un domani. Ogni volta che le formiche greche hanno reclamato per beneficiare dei vantaggi connessi all’adesione all'euro, non sono riusciti a ottenere altro che impieghi mal remunerati nel settore pubblico, finanziati col denaro chiesto in prestito, quando non venivano direttamente consigliati di andare in banca per chiedere un prestito in prima persona. Approfittando dei fondi strutturali europei e dei flussi di denaro presi in prestito, le cicale greche, alleate con alcune cicale tedesche, sono ingrassate, mentre le formiche greche lottavano per riuscire a far quadrare i conti.

Poi, Wall Street è crollata, in ragione di cause interne. Quando questo collasso ha attraversato l'Atlantico, arrivando stranamente prima nelle banche dell’eurozona e poi nelle finanze pubbliche, è lo stato delle cicale greche a fallire per primo. Qualcuno doveva prendersi la colpa. Le cicale dell'Europa hanno trovato sconveniente ricorrere al vecchio argomento del nazionalismo. Si è assistito improvvisamente alla messa in scena di una guerra di dichiarazioni tra greci e tedeschi, nordisti e sudisti, dissimulando una terribile verità: nessuno è mai stato salvato, salvo alcune cicale, al nord come al sud.

Morale della storia
Si nota spesso nella favola di Esopo un racconto morale che mette in guardia contro l’accidia, e una colpevole indifferenza per l'avvenire. Ma c’è ben più di questo. Esopo ha fatto al tempo stesso suonare l'allarme contro i difetti dissipatori della cicala e contro l’estrema parsimonia della formica.

Oggi va aggiunta una lezione supplementare a questa morale: quando le formiche e le cicale sono localizzate da una parte e dall’altra della linea che divide nazioni con attivi e passivi di bilancio in un’unione monetaria mal concepita, viene costruito uno scenario per la comparsa di una depressione che fa insorgere tutti contro tutti, in un circolo vizioso da cui possono emergere solo perdenti. Un periodo in cui niente può più essere recuperato, dove anche quelli che, come la Germania, potrebbero riprendersi abbandonando l’eurozona commetterebbero comunque una forma di suicidio lento e doloroso.

Abbiamo solamente una scelta: decostruire la narrazione predominante. Riconoscere che coesistono in tutta l’eurozona formiche mal trattate e cicale sovralimentate sarebbe un buono inizio.