Rispondi a: CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

Home Forum L’AGORA CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo Rispondi a: CRISI FINANZIARIA: un nuovo mondo sta nascendo

#117387
Richard
Richard
Amministratore del forum

Un altra truffa simpaticissima é quella della HSBC, che non per niente é la banca piú grande dell'Inghilterra, infatti quando voi cambierete casa e giustamente lo comunicherete alla vostra banca, questa CASUALMENTE non lo riceverá o lo smarrirá o ritarderá l'aggiornamento dei dati, di modo che allo scadere della vostra carta di credito quella nuova verrá prontamente inviata al vostro indirizzo precedente, ovviamente seguita a ruota dal nuovo codice PIN, per cui capirete che se non avete una persona di fiducia o non effettuate un reindirizzamento della posta direttamente presso le poste siete fottuti.
http://www.italiansunited.co.uk/rubriche/matteo/truffa.htm

http://www.wnd.com/2012/02/banking-giant-accused-of-laundering-billions/
NEW YORK – A former employee of HSBC in New York has 1,000 pages of customer account records he claims are evidence of an international money-laundering scheme involving hundreds of billions of dollars by the global banking giant, which reportedly is under investigation by a U.S. Senate committee.

http://economia.tuttogratis.it/evasione-fiscale-bancario-pentito-denuncia-127mila-conti-svizzeri/P18373/

Sotto processo 127 mila conti svizzeri

Una lista di 127.000 conti correnti svizzeri, di cui circa 10.000 italiani, subirà un accuratissimo accertamento fiscale per sospetta evasione delle tasse. La lista è all’esame di Eric de Montgolfier, procuratore di Nizza. Il magistrato francese ha fatto sapere che nel giro di circa 20 giorni la lista sarà a Torino a disposizione della magistratura italiana.

Nella lista della Hsbc vi sarebbero 180 paesi interessati per un totale di 127 mila conti correnti; di questi, circa diecimila apparterrebbero a conti correnti italiani.

Il magistrato francese, parlando dei tempi di indagine fa sapere che per quanto concerne la parte francese si è già a buon punto ma ‘per quanto riguarda quella italiana, non saprei, anche perché credo che le autorità italiane non sono interessate alle stesse cose e che i giudici torinesi siano interessati ad eventuali profili di evasione fiscale. E questo richiede un po’ più di tempo’.

L’indagine è partita dalla denuncia di Hervè Falciani, ex dipendente della banca che sostiene di avere agito per motivi etici quando ha scoperto che il sistema contabile applicato permetteva di aggirare il fisco.