Rispondi a: Georges Ivanovič Gurdjieff

Home Forum L’AGORA Georges Ivanovič Gurdjieff Rispondi a: Georges Ivanovič Gurdjieff

#118823

Nuzzi
Partecipante

[quote1309432927=pasgal]
[quote1309214467=Nuzzi]
Dunque, a prima vista mi verrebbe da dire che c'è un problema in questa frase ma questa forse apparente contraddizione mi pone un quesito che giro a voi:

Sostanzialmente il testo dice che ci sono tre le forze che si incontranoe che sono opposte.

Ora la domanda che mi si pone è:

Il concetto di opposto può appartenere al 3?
Cioè gli opposti sono sempre due oppure possono esistere 3 cose che sono opposte fra loro.
Ha senso parla di tre opposti?

Perchè di prim oacchito mi viene da pensare che se A è opposto a B e B opposto a C significa che A è uguale a C o sbaglio? quindi cade il principio dei 3 che diventano 2 + un doppione…

A voi l'ardua sentenza..

[/quote1309214467]

Ci ho riflettuto un po, forse la risposta potrebbe essere che C sia il mutamento. Polarità in equilibrio (A+B) che si rinnovano col mutamento. Senso.

[/quote1309432927]

E' una visione suggestiva però dobbiamo tener conto di una cosa:
Ciò che noi chiamiamo forza non è qualcosa di statico e immutevole ma, nel termine forza, io vedo già comunque qualcosa che cambia che si muove che agisce. Nell'idea di forza è quindi forse già presente l'idea del mutamento che potrebbe non essere necessario iscrivere in un terzo punto.
Se A spinge in una direzione e B in quella opposta staranno già cambiando di per loro senza che debba intervenire una terza forza a obbligarli a farlo.
Ho detto la mia.

P.s. non voglio dire che i sistemi a tre non funzionino, ci mancherebbe; voglio sottolineare l'incongruenza logica nel pensare le tre forze come opposte. Nella trinità cristiana, ad esempio, padre, figlio e spirito santo non sono in opposizione fra loro ma sono 3 facce della stessa medaglia (ora parte la megacacciaaltesoro per trovare una medaglia a 3 facce)