Rispondi a: Non si può rimanere a guardare

Home Forum L’AGORA Non si può rimanere a guardare Rispondi a: Non si può rimanere a guardare

#118856

Omega
Partecipante

[quote1231411251=mesKalito](…)
[/quote1231411251]
[color=#0066ff]La causa della distruzione d’Israele non sarà un terremoto – ma il rifiuto da parte del suo Governo di riconoscere il Messia Raël[/color]
[color=#cc0000]—————————————————[/color]
Tel Aviv, 3 Marzo 2008 – “la Distruzione dello Stato dell’Israele non avverrà a causa di terremoti devastatori e non sarà la conseguenza della frammentazione di Gerusalemme da parte dei Palestinesi”, ha dichiarato domenica Leon Ariel Mellul, Gran Rabbino della branca raeliana del Giudaismo. “Questo è quello che dei Rabbini, ancorati alle idee primitive del Medioevo, vorrebbero farci credere, ma è tutta spazzatura”.

Egli afferma che il perpetrarsi di un punto di vista mitologico ed irrazionale rappresenta un passo indietro, non in avanti.

“Invece di diffondere sciocchezze infondate, questi Rabbini dovrebbero rileggere le proprie sacre scritture per comprendere davvero chi siano gli Elohim di cui parla la Bibbia” egli ha dichiarato. “E dovrebbero anche applicare uno dei principali comandamenti del Giudaismo: Be ahavta le reacha Kamocha – Ama il tuo prossimo come te stesso”.

Secondo Leon Mellul, questo comandamento viene oggi quotidianamente violato in Israele.

“Come possono gli Ebrei che sopravvissero all’orrore dell’Olocausto riservare lo stesso comportamento barbaro ed inumano ai Palestinesi?” egli ha chiesto. “Confinarli all’interno di squallide città circondate da imponenti mura, equivale a metterli in dei campi di concentramento”.

Oltre a sottolineare il fatto che un tale comportamento è inaccettabile agli occhi degli Elohim, Leon Mellul ha dichiarato che la sopravvivenza d’Israele dipende ora da tre cose: riconoscere Raël come l’atteso Messia e l’ultimo messaggero degli Elohim; permettere la costruzione dell’ambasciata richiesta dagli Elohim – il Terzo Tempio – sul proprio territorio; mostrare amore e compassione per tutti gli esseri umani.

Queste condizioni non sono oggi soddisfatte, ha dichiarato il Rabbino raeliano, e la scadenza è improrogabile.

“Lo stesso Yahweh – il leader degli Elohim – ci definì ‘il popolo dalla nuca dura’ per il nostro comportamento arrogante e dispettoso verso i loro Profeti,” ha affermato Leon Mellul. “Nei Messaggi che gli Elohim diedero al Messia Raël – e che sono riportati nel suo libro ‘Il Messaggio degli Extraterrestri’ – Yahweh indirizzò uno speciale messaggio al popolo d’Israele, mettendo in guardia il nostro Paese da una possibile distruzione e da una nuova, futura Diaspora se non agiremo in tempo.

“Perciò, prendete coscienza dei Messaggi dei nostri Creatori ed agite di conseguenza. Non perdete tempo a piangere presso il Muro del Pianto ed a pregare il ritorno del Messia, perché egli è qui, proprio ora, e vi sta concedendo quest’ultima opportunità! Oggi potete pregare e piangere contro un muro – tutto quello che rimane del Secondo Tempio – ma domani, se continuerete ad ignorare il messaggio di Yahweh, non ci saranno due sole pietre che rimarranno una sull’altra nel nostro Paese, che conoscerà presto la devastazione assoluta. Nessun muro rimarrà in piedi per accogliere le vostre lacrime. Figli d’Israele, aprite i vostri occhi prima che sia troppo tardi!”.
[color=#cc0000]—————————————————[/color]
קרא טקסט זה תחילה! (לא נידרשת הרשמה) [link=http://he.rael.org/download.php?list.7]he.rael.org/download.php?list.7[/link]

Fonte: http://www.raelianews.org :: http://www.raelpress.org