Rispondi a: La Libertà nella Gioia di Essere

Home Forum L’AGORÀ La Libertà nella Gioia di Essere Rispondi a: La Libertà nella Gioia di Essere

#119562

xxo
Partecipante

Teus, il titolo del Topic è “Libertà nella Gioia di Essere“.
Ogni singola parola di questo titolo porta un messaggio importante che è alla base del tuo sfogo.

——
Giustamente nella tua analisi arrivi al primo problema, l'unico. (anche se non lo chiamerei così..)
Cmq, ciò di cui l'essere umano ha realmente bisogno è il cibo, solo questo può e deve interessare in una giusta analisi.

Analizzato il “problema” si passa all'analisi delle possibili soluzioni.
Te in realtà non proponi una soluzione, bensì un tuo comportamento di conseguenza.
Quindi aspetti, se mancherà il cibo sai a cosa potresti arrivare, quindi un'arma è straconsigliata, ma una sarà poco…..
Nel mentre vivi con questo pensiero, pensi a questo e ti pepari così al peggio “nella paura”.

Dico,
hai mai pensato a cosa è il cibo?
Dove lo si trova oltre che al supermercato?
Perchè potresti anche trovare la soluzione di deporre le armi e di coltivare il tuo cibo. E questo è specchio con lo spirito caro, deponi la rabbia e coltiva il tuo essere.

Dovunque tu abiti avrai un po di natura attorno a te.
Vai, quando hai un giorno libero vai in natura, respira l'aria, godine ogni suo piccolo aspetto.
Vai a conoscere i contadini del luogo, cerca i biodinamici e biologici, con loro potrai parlare, potrai imparare.
Capisci che la terra è la nostra madre, Lei ci ha messo qui e Lei ci da tutto quello che serve per vivere.
Con i contadini delluogo potrai trovare una tranquillità sotto questo aspetto, il cibo.

E questo è solo il primo passo per raggiungere l'oggetto del post/topic, “Libertà nella Gioia di Essere

Da qui inizierai un percorso nuovo, fatto di felicità e comprensione di nostra Madre, e quando ti girerai indietro e vedrai di nuovo la tua babysitter (Edit: il supermercato sotto casa) non potrai che ridere.
E quando ti ricorderai della rabbia e dell'odio che nutrivi per chissà chi non potrai che lasciarli vivere nel loro “brodo”, anche con un po di dispiacere, poveri loro…

BUONA VITA