Rispondi a: Mai più sposi, meglio convivere

Home Forum L’AGORÀ Mai più sposi, meglio convivere Rispondi a: Mai più sposi, meglio convivere

#121775
Richard
Richard
Amministratore del forum

D- La monogamia è la forma migliore per un rapporto famigliare ?
R- Fa’ che gli insegnamenti tendano piuttosto all’intento spirituale. Che si tratti di monogamia, poligamia o di che altro, fa’ che sia la risposta dello spirituale dentro l’individuo ! Ma la monogamia è, naturalmente, la cosa migliore, come indicato nelle Scritture stesse – uno – uno ! Poiché l’unione di uno dovrebbe sempre essere uno…La vita appartiene alla Forza Creatrice ed è Forza Creatrice; è ciò che veneri come Dio.

D- Gli uomini e le donne che non hanno la possibilità di sposarsi dovrebbero avere dei rapporti sessuali fuori dal matrimonio ?
R- Questo è nuovamente una questione di principio nell’individuo. Gli organi sessuali, le richieste sessuali di ogni individuo devono essere gratificati in qualche modo come parte dell’impulso biologico nell’individuo. Questi cominciano al presente (bambino) con la curiosità. Poiché è tanto naturale che ci siano rapporti sessuali fra uomo e donna quando vengono attirati uno dall’altra nelle loro relazioni o attività regolari quanto lo è il fiorire in primavera per i fiori o che arrivi la neve in inverno. 826-6

D- Che cosa posso fare per superare la mancanza di generosità di mio marito nei miei confronti per quanto riguardano le finanze ?
R- …sii tanto generosa verso tuo marito quanto tu ti aspetti che tuo marito lo sia con te, e queste cose saranno più in accordo e porteranno maggiore armonia nei rapporti per tutta l’esperienza.

D- Perché siamo insieme in questa vita, e come possiamo compiere questa missione ?
R- Se ognuno è vero nei confronti di se stesso. Siete insieme a causa di quelle attrazioni l’uno per l’altra attraverso dei rapporti portati in altre attività. E se entrambi … sono veri verso l’ideale e se mantengono il sé come un tutt’uno essi producono quelle attività della terra, e quelle parti in cui risiedono che sono migliori perché loro vi vivono.
Questo è lo scopo di ogni gruppo o di ogni persona sulla terra. Dobbiamo sottomettere ciò che ci circonda. Dobbiamo trasformare lo stesso in forze utili per coloro che verranno. 3051-4

D- Quale sarà l’effetto sulla mia vita di questo matrimonio con [M.A.C.] ?
R- Che cosa gli permetterai di diventare ? Questo dipende… sulle scelte. Se tale cosa potesse o dovesse essere illustrato all’entità sarebbe successo che il Padre avrebbe detto: “Mi pento di aver mai fatto l’uomo “ ?
L’uomo e la donna hanno il libero arbitrio. Che cosa farete di tale associazione ? Se scegliete il giusto – contentezza, felicità e gioia. Se è per il sé e per la glorificazione e l’ingrandimento del sé – disarmonia, sfiducia, scompigli e conflitti. La legge è davanti a te – ed è sicura ! 1470-2

D- E si amano veramente ?
R- Al presente. Ricordate a loro due che amore è dare; è una crescita. Può essere coltivato o può essere inaridito. È necessario dell’altruismo da parte di entrambi. Ricordate, l’unione di corpo, mente e spirito nei legami come il matrimonio dovrebbero sempre essere non per il desiderio del sé ma come un tutt’uno. L’amore cresce; l’amore sopporta; l’amore perdona, l’amore comprende; l’amore gestisce quelle cose piuttosto come opportunità che per altri diventerebbero avversità.
Quindi, non state fermi aspettandovi che l’altro faccia tutto il dare, né tutto il perdonare; ma rendetelo piuttosto come l’accordo e lo scopo di ognuno essere ciò che è un complemento l’uno verso l’altra, sempre.

Quindi quando siete, entrambi, nello scompiglio – non uno deve fare tutto il pregare, né tutto il “maledire”; bensì insieme – chiedete ! ed Egli darà – come ha promesso – quella certezza di pace, di armonia che può venire soltanto da uno sforzo coordinato, collaborativo da parte di anime che cercano di essere i canali attraversi i quali il Suo amore, la Sua gloria possono essere manifestati sulla terra !

Non permettete ad alcuna cosa di separarvi ! altrimenti sarà la distruzione dei vostri stessi sé attraverso questa esperienza !
Piuttosto fate dei vostri corpi dei canali attraverso i quali un’anima può manifestarsi ! e nei vostri scopi, nei vostri desideri, nel vostro amore della vita potete mostrare – in quell’unione – ciò che vi legherebbe ancora più stretti a Lui.

Che i vostri sì siano quindi dei sì, i vostri no dei no. Ma tenete la via aperta per i vostri sé migliori, perché il vostro amore, il vostro rispetto, la vostra fede, la vostra fiducia si espandano.

Poi ognuno di voi – nelle vostre attività quotidiane – non pensi a ciò che soddisfa soltanto voi stessi, e nemmeno ciò che sarebbe l’appagamento dell’altro; ma piuttosto come ognuno di voi può diventare il canale più grande, migliore per la gloria della vita, di Dio, dei Suoi doni, delle Sue promesse, della Sua pace, delle Sue armonie – perché possano manifestarsi nella vostra cooperazione l’uno con l’altra. 1523-6

http://www.edgarcayce.it