Rispondi a: Il crollo economico. E poi?

Home Forum L’AGORA Il crollo economico. E poi? Rispondi a: Il crollo economico. E poi?

#121878

windrunner
Partecipante

Tu credi ancora al destino mesk? 😉

Permettimi solo di precisare una cosa riguardo ad una tua frase: “concepire il movimento evolutivo solo come personale”

Mi viene da domandarmi qual'è il metodo migliore per cercare da far smettere ad un fumatore di fumare… a prescindere se tenti (senza riuscire) o meno di smettere…

Potrei avere due atteggiamenti:

1) Gli rompo le scatole ogni giorno dicendo quanto fa male… dicendo: “Ma non vedi!” – “Sei un dormiente! C'è scritto anche sulla scatola che il fumo uccide!”

2) Faccio di me stesso l'esempio dal quale lui può vedere gli effetti del non fumo. Senza dire nulla.

Ora… se analizzo ciò…

Nel caso del punto 1 il fumatore (lo so per esperienza diretta con parenti) non smetterà di fumare… darà risposte vaghe come: “Si lo so…” – “E' perchè sono nervoso” – “Ma che ci posso fare?” – “Fammi andare a fare un'altra boccata d'ossigeno va… (intendendo il fumo ovviamente).

Nel caso del punto 2 SE siamo fortunati vedrà che la persona che non fuma non ha tutti gli effetti negativi (adesso lo dico come esempio) che hanno le persone fumatrici e di conseguenza questo sarà invogliato a smettere semplicemente dall'esempio.

Purtroppo ciò non basta… perchè se nel caso due non viene capito… i due punti avranno un terzo punto comune:

3) Ci si ammalerà e SOLO a quel punto si capirà l'errore commesso.

Ora… alla luce di ciò… credo che stia a noi singolarmente prendere le decisione sul comportamento da tenere…

Punto 1 o punto 2?

Secondo me… con il punto 1 sprechiamo tempo e non otteniamo nulla nè per gli altri nè per noi stessi…

Con il punto 2… abbiamo una percentuale di riuscire con gli altri e sicuramente riusciremo con noi stessi…

Cos'è meglio?

Proviamo ora ad applicare questo discorso verso tematiche differenti…

Ciao! 🙂