Rispondi a: Simbolismo nei media

Home Forum L’AGORÀ Simbolismo nei media Rispondi a: Simbolismo nei media

#122100

Xeno
Partecipante

[quote1330973777=prixi]
[quote1330971440=El Mojo]
Ringrazio per l'apprezzamento!
Però mi piacerebbe trattare l'argomento “pessimismo” perchè, rileggendo, non mi sembra che ce ne sia.
O è forse riferito al fatto che do ragione a Solone sul fatto dei figli?
Io non credo che Solone sia condizionato, anzi do per scontato che la sua sia una scelta data dalla sua ragione, anche perchè, se non partissi da questo presupposto, sarei pessimista.
Anzi come dicevo, la società solitamente ti spinge a fare figli, non il contrario.
Poi ci sono cose relative, quelli che vedono sempre rosa e gli può andare bene, e tra questi quelli a cui và male. Stessa cosa a chi vede nero.
Una coppia dovrebbe scegliere in coscienza e indipendentemente da condizionamenti se avere figli o no. E prima di decidere, considerare tutto, i pro e i contro.
Questo perchè, ovviamente, avere figli è una grossa responsabilità, e devi necessariamente prendere in considerazione che non tutto va come si spera o come si vuole o come ti raccontano. Le famiglie felici esistono solo nelle pubblicità del mulino bianco, in linea di massima.
Fare un giro negli ospedali pediatrici per prendere coscienza di cose REALI che possono accadere non è pessimismo, è realismo, è togliersi i paraocchi di dosso. Chi ha qualche parente che lavora nei centri di assistenza sociale gli chieda quanti casi ci sono di donne piantate dal marito per via di qualche difetto o malanno del figlio.
E ammesso che tutto vada bene si è preparati all'eventualità che un figlio resti a casa anche 40enne perchè potrebbe anche non trovare lavoro? Sono solo piccoli esempi, altrimenti ci si può scrivere un trattato.
A condensare il discorso: fare figli non è cosa da poco e bisogna deciderlo in due essendo d'accordo, e in consapevolezza che può essere una bella avventura ma anche no.
Pessimismo e ottimismo sono solo due facce di una stessa medaglia, due estremi relativi.
Io preferisco la LOGICA.
Buona serata.
[/quote1330971440]
… è possibile che abbia colto un pessimismo che non volevi esprimere … leggendo a volte capita.

Quello che dici sui figli è sacrosanto … non sempre le cose vanno come nelle pubblicità … anzi, credo mai.
Lo posso dire con ragione di causa.

La mia unica figlia ha una malattia cronica irreversibile e ho vissuto e vivo tutt'oggi sulla nostra pelle mesi e mesi, anni, di ospedali pediatrici… ed a causa di questo evento, il padre si è defilato.

Questo, al contrario di quel che si può immaginare, mi ha però insegnato molte cose, prima fra tutte è che in ogni tragedia si cela un grande dono per chi la vive.
Non è una visione rosea o romantica, è molto realistica ed oggettiva.

Come per ogni evento hai sempre due scelte …. o getti la spugna e vivi rotolandoti nella più bieca disperazione incolpando tutto e tutti della tua cattiva sorte e proiettando questa ombra nera sulla tua vita … o responsabilmente e con forza e speranza, affronti a muso duro ogni giorno, scoprendoti una persona migliore di quanto credevi di essere e scorgendo intorno e dentro te quel dono … un dono fatto di umanità autentica, di umiltà e grande forza interiore … attraverso il quale comprendi che il più dei problemi sono solo “pippe mentali” e “lussi” che non hanno nessun valore.

Come dice Xeno, cresci insieme a tuo figlio.

Buona serata a te 🙂
[/quote1330973777]
Stavo per scrivere un post,ma prixi mi ha preceduto e dopo aver letto le sue parole posso solo ascoltare ed imparare è basta.
Non è una questione di logica come dici Elmojo è qualcosa che và al di là
Nelle parole di prixi c'è già tutto scritto basta saperle leggere.
Fidati