Rispondi a: BerlusCojoner

Home Forum L’AGORÀ BerlusCojoner Rispondi a: BerlusCojoner

#123199

sev7n
Partecipante

Il ritornello che grazie a Berlusconi l'Italia ha “ritrovato” un posto di prima grandezza nel Mondo e' una frottola

L'immagine di Berlusconi in Europa e nel Mondo
In questi giorni sta venendo a galla cio' che buona parte dell'opinione internazionale pensa di lui

Roma – Una delle piu’ riuscite montature mediatiche dell’era Berlusconi e’ stata quella secondo la quale grazie a lui, alla sua statura di uomo politico, al suo carisma irresistibile, alla sua lungimiranza politica e alla sua simpatia l’Italia non era mai stata tanto rispettata e considerata in campo internazionale.

La realta’ e’ completamente diversa. Questa bufala propagandistico-pubblicitaria, ripetuta innumerevoli volte secondo la lezione di un politico vicino a un caporale boemo che ebbe una certa influenza nella Germania degli anni ’30, si basa sul fatto che la maggior parte degli abitanti della penisola non parla lingue straniere, e non e’ quindi in condizione di leggere giornali esteri e di conseguenza non puo’ rendersi conto di quanto Berlusconi sia dissociato dal resto del Mondo civile (La Russia di Putin non ne fa parte).

E’ semplice: per capire cosa pensa il resto del mondo dell’ometto che ci governa basta sfogliare alcuni dei piu’ autorevoli giornali del Pianeta (Libero, Panorama e il Giornale non sono tra questi) e la verita’ apparira’ senza fronzoli né sorrisi liftati. Nel lungo servizio uscito qualche anno fa sull’Economist, una delle principali riviste economiche del mondo, secondo cui Berlusconi is “Unfit to lead Italy”, inadatto a guidare l’italia, si poteva leggere: ” il conflitto di interessi e la sua rete di procedimenti legali ci hanno portato a giudicare Berlusconi inadatto ad essere Primo Ministro”.

La rivista ha recentemente rincarato la dose: “Quando suggerisce che i magistrati debbano sottoporsi a dei test sulla salute mentale, o quando uno dei suoi più vicini collaboratori, un senatore che sta ricorrendo in appello contro una condanna per associazione con la Mafia, dichiara che un killer condannato è stato un eroe, rimangono buone ragioni per sostenere che Berlusconi non dovrebbe guidare il paese”.

Il premier italiano, che era molto affezionato all’ex inquilino della Casa Bianca, ha detto di ritenere sia stato “un grandissimo presidente”, mentre la maggior parte degli storici Usa considera Bush uno dei peggiori che il paese abbia mai avuto. Ma siamo sicuri che l’ammirazione fosse veramente reciproca? Per capirlo basta leggere la biografia del presidente del consiglio pubblicata nel 'press kit' che la Casa Bianca ha distribuito ai giornalisti al seguito del presidente americano.

“Il premier italiano è stato uno dei più controversi leader nella storia di un paese conosciuto per corruzione governativa – si legge nel testo-. Principalmente un uomo d'affari con massicce proprietà e grande influenza nei media internazionali. Berlusconi ha conquistato la sua importante carica solo grazie alla sua notevole influenza sui media nazionali”. Il portavoce della Casa Bianca Tony Fratto si e’ poi scusato per la “ gaffe”, ma l’immagine di Berlusconi Silvio rimane questa.

La vicenda Noemi secondo molti sostenitori del premier e’ solo gossip a cui i suoi biechi avversari si attaccano perche’ non hanno piu’ nessun argomento politico. Questo la dice lunga sull’idea che i suoi sostenitori hanno della politica. Come se la vita privata di una personaggio pubblico non avesse niente a che vedere con la politica, anche nel caso di un Berlusconi la cui figura assomiglia sempre piu’ a quella di un monarca pre-rivoluzione francese. Nel resto del mondo, almeno in quello occidentale, si e’ ancora convinti che la politica debba avere un’anima etica. E che i governanti debbano governare con l’esempio e che la loro vita privata e’ in buona parte tutt’uno con la loro attivita’ politica.

Non ci si puo’ fare paladini dei valori della famiglia, presentarsi come portatori della fiaccola della civilta’ cattolica e poi intrattenere strane relazioni con delle avvenenti minorenni, organizzare feste da basso impero a Palazzo Grazioli, stipare i bungalow della reggia di Sardegna con veline e menestrelli portati li con voli di Stato. Veline che poi si aggirano per la villa in tanga e topless, accompagnati da uomini nudi. Le stesse veline che stavano per essere candidate nella piu’ grande arena politica del Mondo, l’Europarlamento di Bruxelles, in spregioalle istituzioni dell’Unione. Il nostro paese si sta trasformando in un osceno reality show, un agghiacciante Grande Fratello formato nazionale. E se i media nostrani non lo ribadiscono sufficientemente, ci pensano i giornali stranieri a ricordarcelo.

Odiano l’italia? Tutt’altro, la amano. Avete mai sentito un francese parlare di ‘Venise’, o un inglese parlare delle colline del Chianti o un tedesco raccontarvi che cosa sente quando si trova davanti al Pantheon di Roma? Be’ c’e’ gente che ama il nostro paese profondamente. E proprio perche’ amano il nostro bellissimo e assurdo paese non esitano a dire cio’ che pensano sul momento storico che stiamo attraversando. Per questo il Times, uno dei piu’ antichi giornali al mondo, sostiene che Berlusconi non sia null’altro che “un clown a cui e’ caduta la maschera” in seguito a quanto emerso in merito al caso Noemi.

“L'aspetto più sgradevole del comportamento di Silvio Berlusconi – scrive il Times – non è il fatto che sia un pagliaccio sciovinista, né che corra dietro a donne di 50 anni più giovani di lui, abusando della sua posizione per offrire loro posti come candidate al Parlamento europeo. Ciò che è più scioccante è il completo disprezzo con cui egli tratta l'opinione pubblica “.

Per il Financial Times, giornale profondamente conservatore, “il fascismo non è nel futuro dell'Italia: Berlusconi chiaramente non è Mussolini, lui ha squadre di starlette e non di camicie nere. Non un fascista, ma un pericolo per l'Italia ed un esempio deleterio per tutti». Il Daily Telegraph sottolinea come alcuni “cani da guardia “ del premier si siano “vendicati” contro la moglie Veronica Lario, che per prima ha scoperchiato il vaso di Pandora per quanto riguarda la vita alla corte del marito, lapidandola con accuse di adulterio e mettendo in prima pagina alcune sue foto, risalenti a vecchi spettacoli teatrali, che la ritraggono a seno nudo.

L’Indipendent riporta che la casa editrice Einaudi, appartenente alla Mondadori di Berlusconi, ha rifiutato di pubblicare l’ultima opera di José Saramago, premio nobel per la letteratura, unanimemente considerato uno dei piu’ grandi scrittori viventi, perche’ in alcuni passaggi definisce Berlusconi un buffone e un delinquente. Nell’intervista lo scrittore si chiede il perche’ in Italia non si sia formato un movimento di protesta contro l’uomo che ha gettato l’immagine dell’Italia nel fango”.

Secondo il corrispondente in Italia della Frankfurter Allgemeine Zeitung, uno dei principali quotidiani tedeschi, “Berlusconi ora si prende a modello gli dei dell'antichità. Ad esempio il padre degli dei: Giove. Costui non era conosciuto solo per fulmini e saette, ma anche per le sue visite audaci presso le donne, tanto malfamate, quanto forse amate”. E poi cita Martin Schultz, presidente del gruppo socialista insultato da Berlusconi per aver interrotto il suo show con una serie di domande scomode, che non trova per niente divertente la strada aperta a giovani bellezze per fare carriera politica, anche nel parlamento europeo: “Berlusconi trasforma sistematicamente in gossip la politica italiana”.
Anche l’importante quotidiano spagnolo El Pais scrive della situazione italiana alla vigilia delle europee con un tono particolarmente allarmato. “Ci sono nuove e forti ragioni per sostenere che ciò che il primo ministro italiano sta mettendo in gioco oggi è il futuro dell'Italia come stato di diritto”. Il giornale precisa che “é un motivo di preoccupazione non solo per gli italiani ma anche per gli europei”. Ma il giornale spagnolo non si e’ limitato a scrivere un pesante editoriale, ha anche osato pubblicare cinque delle vietatissime foto scattate da Antonello Zappadu’, suscitando l’ira del primo mastino di Berlusconi il suo avvocato-parlamentare- tuttofare Niccolo Ghedini.

El Pais ha spiegato che la pubblicazione delle foto di Villa Certosa punta a “dimostrare che il premier sta cercando di convertire lo spazio della politica democratica in un mero prolungamento delle sue relazioni di amicizia e dei suoi divertimenti”. E se veramente pensate che sia in atto una congiura mondiale orchestrata dall’internazionale comunista e “insufflata” da quei quattro gatti della sinistra italiana, allora l’unico consiglio e’ andare a vedere uno psichiatra.

Massimo Alberico

http://www.voceditalia.it/articolo.asp?id=34014&titolo=L'immagine%20di%20Berlusconi%20in%20Europa%20e%20nel%20Mondo