Rispondi a: FORTE TERREMOTO IN ABRUZZO

Home Forum L’AGORÀ FORTE TERREMOTO IN ABRUZZO Rispondi a: FORTE TERREMOTO IN ABRUZZO

#123405
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1239007721=sephir]
[quote1239007222=giusparsifal]
Riporto una nota scritta da Andrea Doria su Facebook poco fa:

Durante la serata e la nottata di ieri mezza italia si è svegliata per il gran numero di terremoti che si è sviluppato partendo dall'appennino tosco-emiliano, fino a giungere per risonanza sino alle porte di Roma, dove il mio soppalco ha dondolato come una gondola per poco meno di un minuto. Chiaramente quando accadono questi eventi c'è immediatamente chi pensa che siano di origine prettamente terrestre, ma in realtà non è sempre così. Difatti, evento segnalato da nessuno, è che la situazione astronomica di ieri è stata solo in apparenza “calma”:

il Sole appare assolutamente privo di macchie. Solo una anomalia che non dovrebbe succedere in assenza di “spots”. Proprio ieri c'è stato un totalmente inaspettato Flare di Plasma sul Sole alto 50.000 chilometri (foto), talmente forte che il suo campo magnetico non è riuscito a trattenerlo…

Ora ho qualche certezza in più circa i miei dubbi su ciò che dobbiamo attenderci nei prossimi anni…

http://www.new.facebook.com/note.php?note_id=75935551568&ref=nf

[/quote1239007222]

ecco infatti ..dicevo appunto SPERIAMO BENE in questo senso… richard che dici tu? sospetti, qualcosa di già preannunciato o un semplice caso sismico…. mi sa che di semplice pian piano rimarrà pochino…

[/quote1239007721]

la statistica reale non fa pensare proprio a “casi isolati sismici”

http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_08.htm
..Terremoti devastanti: 400% più frequenti dal solo 1973. [22] Vulcani che eruttano polvere, fumo e lava: 500% in più rispetto al 1875. [22] Tornado in aree non attese come il Maryland: 200% più frequenti rispetto a 50 anni fa. [15] Mega-uragani senza precedenti che spazzano le linee costiere. [15] bolle di ondate di calore e inverni senza neve. Incendi selvaggi che infuriano per interi continenti. Siccità laceranti e inondazioni senza precedenti. Numeri sempre crescenti di estinzioni di massa delle specie. Ondate di calore massicce su oceano Atlantico e Pacifico. [3] Pezzi di ghiaccio giganti che si staccano dalle calotte polari. Attività solare così energetiche che molti satelliti non sono stati costruiti per resistere ad incrementi tanto improvvisi, frantumando ogni precedente aspettativa. [15] Cambiamenti catastrofici della Terra, come terremoti e tornado, che emergono durante i giorni di maggiore attività solare. [15, 31]..

——–
https://www.altrogiornale.org/_/content/content.php?content.300
..Esiste già un rapporto su due nuove popolazioni di particelle cosmiche che non erano state previste nella radiazione delle fasce di Van Allen (25); particolarmente una iniezione di un flusso di elettroni più denso di 50 MeV nella magnetosfera interna, durante periodi di improvvise tempeste magnetiche (CME) e l'emersione di una nuova fascia consistente in elementi ionici tradizionalmente scoperti nella composizione delle stelle. Questa nuova qualità dello spazio interplanetario non ha solo la funzione di meccanismo di interazione planetaria nella trasmissione, ma (questo è più importante) stimola e programma azioni sull'attività Solare sia nelle fasi minimali che massimali. L'efficienza sismica del vento solare è stata osservata (26,27).

1.3 L'Apparizione di Nuovi Stati e Regimi di Attività del Sole.

Per quanto riguardi lo stato stellarefisico del Sole, dobbiamo notare prima di tutto il fatto che sono avvenute significative modificazioni nell'esistente modello comportamentale dell'oggetto centrale del nostro sistema solare. Questa conclusione viene da osservazioni e rapporti di forme insolite, potenza energetica e attività nelle funzioni del Sole (20,21), così come di modificazioni nelle sue proprietà fondamentali di base (28). Fin dalla fine del Maunder minimum, si è osservata una progressiva crescita dell'attività generale del Sole. Questa crescita si è rivelata la prima volta in modo definito nel 22mo ciclo; cosa che ha creato un reale problema per gli eliofisici che stavano cercando di rivedere il loro principale scenario esplicativo:

1.3.1 In merito alla velocità nel raggiungere i super-flash maximums.

1.3.2 In merito alla potenza di emissione di flash separati.

1.3.3 In merito all' energia dei raggi cosmici solari, ecc..