Rispondi a: FORTE TERREMOTO IN ABRUZZO

Home Forum L’AGORÀ FORTE TERREMOTO IN ABRUZZO Rispondi a: FORTE TERREMOTO IN ABRUZZO

#123577

Sephiroth
Partecipante

Sulla tv pubblica giapponese sotto accusa le nostre tecniche di costruzione

Il terremoto che ha devastato l'Abruzzo e' dovuto allo slittamento di una faglia superficiale, profonda soltanto uno o due chilometri, che ha causato una
scossa non forte in assoluto, ma intensa.
E' la ricostruzione di Yashiko Yamanaka, professoressa della Universita' di Nagoya ed esperta sismologa, che spiega quanto e' accaduto in una intervista pubblicata nell'edizione serale dell'Asahi Shimbun e alla Nhk, la tv pubblica nipponica.
“Ho analizzato – spiega – le onde sismiche registrate in tutto il mondo e sembra che il terremoto avvenuto il 6 aprile in Italia sia stato intenso a causa del movimento di una faglia che e' situata a poca profondita', a uno o due chilometri”.
La faglia in questione ha circa 10 chilometri di larghezza e e 20 di lunghezza. “Si e' mossa da Nord a Sud-Est – aggiunge l'esperta – mentre la parte ovest e' affondata per circa 60 centimetri per la durata di 10 secondi”.
Sulla Nhk, inoltre, si sono alternati programmi sulla vicenda abruzzese sulla quale si e' focalizzata l'attenzione di diversi esperti che hanno provato a interpretare le immagini.
Nel mirino, in un Paese dove la totalita' delle costruzioni e degli ammodernamenti e' fatta in funzione di efficienti e rigide norme antisismiche, sono finite le tecniche di realizzazione delle case.
Ad esempio, i pilastri degli edifici, sulla base dei filmati, “appaiono troppo sottili”, mentre e' “sorprendente”, ha spiegato un professore dell'Universita' di Tokyo, l'uso dei mattoni rossi e forati nei muri portanti, molto simili – in base alle valutazioni emerse – ai mattoncini Lego che a laterizi utili per reggere alle scosse.

http://www.rainews24.rai.it/notizia.asp?newsid=113881