Rispondi a: influenza suina

Home Forum L’AGORÀ influenza suina Rispondi a: influenza suina

#125625

sev7n
Partecipante

il 9 maggio 2009 la situazione dichiarata dall'OMS era questa

i casi di contagio sono 2.099, con 44 decessi

aggiornamento dati del 8 giugno 2009 ( 30 giorni dopo)

aggiornamento OMS, 25.288 CASI CONFERMATI IN 73 PAESI CON 139 MORTI

e intanto qui da noi stasera e' uscita questa news

Febbre suina: Fazio, puntiamo a limitare contagi a massimo 2 mln persone

Bruxelles, 9 giu. (Adnkronos Salute)- L'Italia punta a limitare il numero di persone colpite dal virus della cosiddetta 'influenza suina' A/H1N1 a un “massimo di 1 o 2 milioni di soggetti”. Lo ha detto il viceministro responsabile per la Salute, Ferruccio Fazio, a margine di una riunione con i colleghi dell'Unione europea a Lussemburgo. “Il nostro target dovrebbe essere di 1-2 milioni. Non vogliamo arrivare a dieci milioni di italiani con l'influenza”, ha spiegato Fazio.

Quanto alla campagna di vaccinazione, il viceministro ha sottolineato la necessità di definire “gruppi di priorità”. Anche perché, ha aggiunto, “vaccinare tutta la popolazione sarebbe un'impresa ardua e difficile”. “La vaccinazione ha soprattutto lo scopo di gestire meglio un eventuale problema pandemico”, ha osservato ancora Fazio ribadendo che il vaccino “monovalente e in due dosi” dovrebbe essere pronto tra la fine di ottobre e la meta' di novembre. Il viceministro, che sta affrontando il problema di una “strategia comune” Ue contro il virus A/H1N1 nel corso di una colazione di lavoro con i ministri europei, ha quindi spiegato che il virus comporta rischi di “mortalità molto piu' bassi di una normale influenza stagionale”. Il problema, ha proseguito, è soprattutto “concettuale. In quanto si tratta di un virus molto trasmissibile che potrebbe diventare aggressivo”.

“La cosa piu' preoccupante è che una eventuale pandemia non è prevedibile”, ha avvertito ancora il ministro. A Lussemburgo, Fazio ha anche evocato il rischio di un “riassortimento” del virus. In pratica, l'eventuale passaggio da una specie all'altra, che rischia di moltiplicare il numero dei virus. “Un virus suino che si combina ad esempio con un virus aviario – ha spiegato Fazio – comporta un accoppiamento: escono fuori 256 forme diverse di virus. Da questo concetto si puo' capire la variabilità che puo' emergere da un riassortimento e quindi la possibilità che tra questi ce ne possa essere anche uno altamente aggressivo”.

A chi chiedeva se ci fosse il rischio di un aumento dei contagi il prossimo autunno, Fazio si è mostrato molto prudente. Per fare un esempio ha ricordato però che l'influenza spagnola comparsa dal 1918 al 1929, aveva avuto un secondo picco piu' “aggressivo” proprio a ottobre, dopo un primo picco nel febbraio precedente.

http://www.adnkronos.com/IGN/Daily_Life/Benessere/?id=3.0.3409269127