Rispondi a: FACEBOOK E' DELLA C.I.A.

Home Forum L’AGORÀ FACEBOOK E' DELLA C.I.A. Rispondi a: FACEBOOK E' DELLA C.I.A.

#125879

meskalito
Partecipante

Che simpatici 🙂

Vuoi più amici su Facebook? Ora puoi comprarli

uSocial permette di comprare “pacchetti” di amici su Facebook ai quali inviare spam senza pietà. Ognuno farà guadagnare un dollaro al mese.

[ZEUS News – http://www.zeusnews.com – 04-09-2009]
uSocial vende pacchetti amici per Facebook spam

Anche l'amicizia si può comprare – o, almeno, quel surrogato di amicizia che ha nome Facebook. Il social network più usato non ha però colpe in questa strana iniziativa; anzi, pare che la osteggi apertamente.

Tutto nasce da un'idea di uSocial, società che si occupa di marketing e pubblicità e ha tutto l'aspetto di chi vuole portare lo spam a nuovi livelli, come se già non bastasse quello esistente.

La procedura è semplice: uSocial mette in vendita “pacchetti” di amici per Facebook; il più economico, che contiene soltanto 1.000 amici potenziali, costa 177 dollari mentre per il più costoso, che arriva fino a 10.000 amici, occorrono 1.167 dollari.

Una volta effettuato l'acquisto, uSocial si incarica di inviare le richieste di amicizia ai contatti “comprati”: qualcuno rifiuterà; altri – molti altri, o così lascia intendere uSocial – accetteranno, anche solo per vedere crescere il proprio numero di amici.

Questo sarà l'errore fatale: gli amici compresi nel pacchetto diventeranno i destinatari di pubblicità e promozioni varie; dopotutto è proprio per questo che sono stati messi in vendita.

uSocial ha infatti calcolato che ogni amico su Facebook può far guadagnare fino a un dollaro al mese a chi gli invia pubblicità: moltiplicato per migliaia di amici, diventa una cifra interessante.

Twitter e Digg hanno già accusato uSocial di spam (su Digg, uSocial vende i voti per le notizie) e hanno preso le misure atte a tenerlo lontano dai propri servizi; Facebook si sta preparando a fare altrettanto.

Non è poi chiaro come uSocial si procuri i contatti, né se questi siano reali, né come abbia calcolato il famigerato “dollaro al mese”.

http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=10908&numero=999