Rispondi a: Il diritto di rettifica nel Web 2.0 Contro il DDL 1415: trackbacks e blog reactions

Home Forum L’AGORA Il diritto di rettifica nel Web 2.0 Contro il DDL 1415: trackbacks e blog reactions Rispondi a: Il diritto di rettifica nel Web 2.0 Contro il DDL 1415: trackbacks e blog reactions

#126887

marì
Bloccato

8 luglio 2009 – 15.38


Prima diffida e richiesta di rettifica per Byoblu.Com

Il diritto di rettifica nel Web 2.0
Contro il DDL Sicurezza: trackbacks e blog reactions

Sono emozionato. Ieri sera tardi ho ricevuto la mia prima diffida e, cosa di estrema attualità, la mia prima richiesta di rettifica. Ringrazio l'Ing. Armido Frezza perché, paradossalmente, mi da modo di illustrare nel concreto perché il DDL Sicurezza è una porcata.

Il 20 giugno 2009 si dicevano tante cose nell'aquilano. Ne parlava perfino Il Manifesto. Ho riportato le cose che si dicevano nel post “Strane voci a L'Aquila” http://www.byoblu.com/post/2009/06/20/Strane-voci-a-LAquila.aspx, ovvero che tra i vincitori della gara d'appalto per la ricostruzione di L'Aquila figurava la ditta di costruzioni dell'Ing. Frezza. Si diceva che proprio la costruzione di un garage da parte sua avesse indebolito la struttura della palazzina in via XX Settembre, 79, causandone il successivo crollo la notte tra il 5 e il 6 aprile. La formula usata era volutamente dubitativa.

Il 27 giugno mi scrive Silvia Frezza. Mi dice che il giornalista de Il Manifesto avrebbe sciacallato e che avrebbe pubblicato la smentita con tante scuse. Le rispondo che sono disposto a fare di più e meglio. Le propongo un'intervista all'Ing.Frezza, nella quale egli stesso potrà fare chiarezza sulle voci che, volenti o nolenti, girano incontrollatamente. Non ricevo risposta. In cambio, mi scrivono i suoi legali ieri sera, 7 luglio 2009, inviandomi questa diffida con acclusa richiesta di rettifica. http://www.byoblu.com/file.axd?file=/Diffida%20Byoblu%20Frezza.pdf

Tralasciando la responsabilità, presunta o meno, dell'Ing.Frezza, che non è rilevante ai fini di questa discussione e sulla quale lo studio legale Marazzita & Associati http://www.byoblu.com/file.axd?file=/Diffida%20Byoblu%20Frezza.pdf ha già chiarito la sua posizione, prontamente pubblicata nell'articolo incriminato, http://www.byoblu.com/post/2009/06/20/Strane-voci-a-LAquila.aspx nella diffida si legge che: «Lo stesso brano, con il medesimo titolo, è stato da Lei pubblicato sotto lo pseudonimo di “Byoblu” in altri siti web, tra cui http://hardcorejudas.tumblr.com, http://umanesimo.tumblr.com, http://gravitazero.tumblr.com, http://aubreymcfato.tumblr.com […] Con riserva di agire per le vie giudiziarie La invito, anche ai sensi dell'Art.8 della Legge n. 47/1948, a rimuovere immediatamente dal suo sito e dagli altri sopracitati il brano, ed a pubblicare tempestivamente la presente rettifica.»

Voilà. La frittata legale è servita! I nostri legislatori, con il DDL Sicurezza, stanno per applicare una legge del 1948, http://www.byoblu.com/post/2009/02/05/Il-Diritto-di-Rettifica-nel-Web-20-trackback-e-blog-reactions.aspx pensata per la carta stampata, al mondo di sessant'anni dopo, dominato dal TCP/IP, dai Feed RSS, dai Blog, dai Trackback, dai Social Network, dai forum di discussione, dalla cache dei motori di ricerca e da mille altre diavolerie. Lo studio legale mi chiede di rimuovere contenuti duplicati da altri, presenti su altre piattaforme, sui quali io non ho alcun potere nè alcuna responsabilità.
Per fare un esempio che anche un politico potrebbe capire, sarebbe come se io pubblicassi un articolo su un giornale e quest'articolo venisse fotocopiato da centinaia di lettori, affisso su migliaia di bacheche, distribuito sugli autobus e nelle caselle di posta degli androni dei palazzi. Io potrei pubblicare la rettifica sul mio giornale, ma quale potere e quali responsabilità potrei avrei sul materiale prodotto, eventualmente modficato e poi distribuito spontaneamente e in totale autonomia dalla gente?

Il diritto di rettifica, introdotto nell DDL Sicurezza indistintamente per tutti i siti informatici, non tiene conto della complessità della rete, e soprattuto del fatto che la rete è il luogo delle rettifiche per eccellenza. Ecco alcuni semplici modi http://www.byoblu.com/post/2009/02/05/Il-Diritto-di-Rettifica-nel-Web-20-trackback-e-blog-reactions.aspx per rettificare autonomamente qualunque informazione. E anche qualora nel 2009 non ci si sentisse ancora qualificati a postare un articolo in rete, la risposta non sarebbe comunque la Legge n° 47/1948.
Quanto ha speso l'Ing. Frezza per pagare lo studio legale affinchè studiasse il caso, redigesse una lettera appropriata e inviasse tutte le raccomandate con ricevuta di ritorno necessarie? Allo stesso prezzo poteva recarsi in un internet point, che un'apposita normativa – pensata per la rete – potrebbe rendere competente, per pubblicare in rete una smentita relativamente ad un'informazione che si ritiene lesiva o non veritiera, legandola attraverso il meccanismo del trackback – che potrebbe essere reso obbligatorio per legge – all'articolo incriminato.

Non solo. Il termine delle 48 ore per la pubblicazione delle rettifiche, pena una sanzione che può arrivare a 13.000€, equivale a un atto legislativo censorio per i blog individuali. Oggi dovevo partire per Roma, dove parteciperò alla notte bianca contro il DDL Sicurezza e dove tra domani e dopodomani dovrei potere intervistare Antonio Piersanti dell'INGV. Avrei già dovuto essere in viaggio. Due o tre giorni nei quali con tutta probabilità leggerò poco l'email e avrò scarso accesso alla rete.
Se la comunicazione dello studio legale fosse arrivata solo qualche ora dopo, sarebbero stati già i primi 13.000€ di multa. Fine della storia. Blog chiuso. La parola torna e resta per sempre alle grandi testate giornalistiche.

E' questo che vogliamo? Se la risposta è no, invito tutti ad aderire alla giornata di silenzio per la libertà di informazione online. http://dirittoallarete.ning.com/

Ing.Frezza, la invito pubblicamente a farsi intervistare. Sono sicuro che un suo intervento chiarificatore davanti a tutti i lettori del blog – e agli aquilani – varrebbe cento, mille diffide legali a livello di immagine.
Libertà di parola significa dare voce a tutti, sempre, al di là di qualsiasi legge, perché a convincere non è mai la diffida di uno studio legale, ma la forza delle argomentazioni.

Il blog la attende con spirito costruttivo.

NE HANNO PARLATO

Dario Salvelli: Perché l'obbligo di rettifica sui siti informatici è inapplicabile http://www.dariosalvelli.com/2009/07/perche-lobbligo-di-rettifica-sui-siti-informatici-e-inapplicabile
Alessandro Gilioli: 14 luglio: blog italiani all'estero http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2009/07/08/14-luglio-blog-italiani-allestero/

[link=hyperlink url][youtube=450,340]c8xipgk_KeA[/link]

http://www.byoblu.com/post/2009/07/08/Il-primo-caso-di-diffida-e-diritto-di-rettifica.aspx

Mi piace sto tipino :hehe: