Rispondi a: NOTIZIE FOLLI …

Home Forum L’AGORÀ NOTIZIE FOLLI … Rispondi a: NOTIZIE FOLLI …

#128731

marì
Bloccato

… eccone un'altra … 🙁

Ha colpito a morte la moglie perché sognava di difendersi da un' aggressione L'uomo soffre di un grave disturbo del sonno. Il giudice: “Era un marito devoto”

Galles, sentenza shock
assolto l'omicida sonnambulo


LONDRA
– Chi uccide la propria moglie in preda a un “raptus di sonnambulismo” non è imputabile. Lo ha stabilito una corte del tribunale di Swansea, in Galles, che ha assolto lo “strangolatore dei sogni” Brian Thomas, 59 anni.

L'uomo aveva ucciso la compagna Christine, 57 anni, perché affetto da una malattia del sonno. Secondo quanto ricostruito dai giudici, quando ha aggredito la donna stava sognando di difendersi da due intrusi entrati nel suo camper.

La sentenza shock Thomas aveva ammesso di aver ucciso lo scorso anno la moglie nel camper dove dormivano a Aberporth, nella regione gallese del Ceredigion. Assolvendolo, il magistrato ha definito Thomas “un uomo dignitoso e un marito devoto”. Erano sposati da 40 anni. Era stato lo stesso Brian ad avvertire la polizia poco prima delle quattro del mattino.

Il raptus a causa di una malattia del sonno.
La malattia di cui soffre l'uomo si chiama automatismo: una persona perde completamente il controllo di quel che fa il proprio corpo. Affetto anche da una grave forma di sonnambulismo, normalmente Brian prendeva degli antidepressivi per controllare l'automatismo, ma in quell'occasione aveva interrotto la cura per avere rapporti intimi con sua moglie: le pillole gli provocavano impotenza.

Già in stato di disagio a causa della mancanza delle medicine, la sua tensione era salita perchè alcuni ragazzi facevano un gran fracasso con le moto nel parcheggio dove si trovavano con il camper, dopo che la coppia si era coricata.

(20 novembre 2009)
http://www.repubblica.it/2009/11/sezioni/esteri/galles-omicida-sonnambulo/galles-omicida-sonnambulo/galles-omicida-sonnambulo.html

… che possa riposare final-mente in Pace questa povera donna.