Rispondi a: Doppio appello urgentissimo!

Home Forum L’AGORÀ Doppio appello urgentissimo! Rispondi a: Doppio appello urgentissimo!

#129402
Richard
Richard
Amministratore del forum

c'e' qualcosa di interessante nella sezione download di ighina.it

http://www.ighina.it/download/Ighina_allegato_011.pdf

[youtube=425,344]lJgGMBOq6Pg

[youtube=425,344]jrG83OAF8wo
[youtube=425,344]letcIjLPsqM
[youtube=425,344]a4dtmwxYmOQ

http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_05.htm

” 5.2 – LA PROVA CHE IL CUORE DELLA TERRA E’ UN PLASMA LUMINOSO

Gran parte dell’argomento riguardo al centro della Terra plasmatico è stata presentato nel nostro volume precedente, ma per via della loro importanza ripetiamo ancora qui molti dei fatti salienti. La gran parte delle persone istruite sanno che l’area più calda della Terra è nel centro, e che gradualmente si raffredda attraverso gli strati successivi conosciuti come mantello fino ad arrivare infine all’area più fredda sull’esterno della sfera, che è la dura crosta o litosfera. E’ anche importante ricordare che la crosta esterna della Terra è così sottile, comparata al resto della massa terrestre, che se la Terra fosse ridotta alla grandezza di un bicchier d’acqua, la crosta sarebbe spessa e densa solamente come la tensione superficiale della cima del bicchiere stesso. Questo mostra quanto poca materia solida ci sia in realtà sulla Terra.

I geologi convenzionali credono che il centro della Terra sia composto di ferro e nickel. Nella prevalente teoria della “dinamo”, questo centro metallico ruota dentro la terra e girando crea il campo magnetico terrestre. Comprensibilmente, la ragione più forte per la popolarità di questa teoria è la credenza che ci sia bisogno di un pezzo di metallo come il ferro per costituire un campo magnetico. Tuttavia, numerosi ricercatori compresi Schappeller, Searl e Roschin & Godin hanno dimostrato in laboratorio che si può creare un campo magnetico nient’altro che come onda stazionaria di un energia plasmatica di etere luminoso.”…

Questo solleva un’altra questione: “Da dove proviene tutta l’acqua dei nostri oceani se all’origine non c’era?” La Terra “cresce” di dimensione attraverso continui incrementi di energia eterica che riceve dal Sole e da altre fonti. Gli stessi processi energetici che incrementano la dimensione della Terra stanno anche creando continuamente nuove molecole come idrogeno e ossigeno nella nostra atmosfera, rendendola così più spessa in densità.

L’idrogeno e l’ossigeno poi si legano insieme per formare ulteriori grandi quantità d’acqua, che piovono dal cielo negli oceani, mescolandosi con i sali della crosta terrestre. E’ molto interessante notare che, come abbiamo documentato nella pubblicazione precedente, è stato osservato che i pianeti gassosi possiedono tutti un centro roccioso delle dimensioni simili alla Terra, perciò sembra plausibile che la Terra possa diventare a sua volta un pianeta gassoso allorquando si allontanerà ulteriormente dal Sole. Nell’Ottavo Capitolo passeremo in rassegna la prova del Dr. Aleskey Dmitriev che dimostra che questa creazione di nuova atmosfera è un processo incessante, dal momento che si stanno scoprendo nuovi cambiamenti nelle atmosfere della Terra e di altri pianeti come Marte.”

Il vero SOLE è il CRISTALLO nel cuore della Terra. C'è una sonda che può vederlo
http://www.giulianaconforto.it/Italiano/il_vero_sole.htm

6.6 – COMPRENSIONE ESOTERICA DEL “GRANDE SOLE CENTRALE”

Dato che stiamo proprio trattando con una sfera che è un plasma luminoso, molte scuole esoteriche di pensiero si riferiscono a questa Sfera Centrale come il “Grande Sole Centrale”. Inoltre questa è anche la base per l'importanza mistica del numero tre. Se A1 viene visto come “maschile” e A2 come “femminile”, allora con la loro unione “sessuale” essi creano un figlio che è una piccola immagine dell'Uno, fatto della materia di entrambi i suoi “genitori”. Vediamo emergere il concetto di Trinità in molte tradizioni spirituali, compresi il credo Vedico, quello egiziano e quello cristiano. L'archetipo centrale, come espresso dal noto studioso Joseph Campbell, è quello di un padre e una madre che generano un figlio androgino che è sia maschio che femmina. Questo si può vedere, ad esempio, nel mito Egiziano di Osiride – il padre, Iside – la madre e Horus – il figlio androgino. Questo è uno degli esempi di come le dottrine della trinità “esoterica” o non metafisica potevano essere comuni fra i non iniziati, mentre i racconti celavano abilmente i fatti profondi, esoterici e scientifici per mezzo di un simbolismo.
http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_06.htm

http://www.stazioneceleste.it/articoli/wilcock/wilcock_TDC_07.htm
In questo documento del 1998 J.B. Stoneking ha calcolato le lunghezza d’onda che erano prodotte da ognuno dei differenti intervalli armonici che il Sole produce, come la pulsazione di 5 minuti, 10 minuti, 80 minuti, 160 minuti, eccetera. Queste lunghezze d’onda sarebbero state misurate come esistenti a certe distanze dal Sole. Calcolare le lunghezze d’onda è un problema matematico semplice che include la distanza che la superficie del Sole percorre in ogni pulsazione, (2-3 Km) il tempo che impiega per eseguire ogni pulsazione (intervalli di 5 minuti) e la velocità a cui le onde viaggiano, che è la velocità dalla luce (186.000 miglia al secondo).

Quando Stoneking è eseguito questi calcoli, che sono pubblicati in questo documento, ha trovato che c’era un pianeta sul margine di ogni lunghezza d’onda che egli ha scoperto, come possiamo vedere nelle figure. Questi “nodi” nella lunghezza d’onda erano zone di pressione minima, dove tutte le vibrazioni si annullavano e permettevano ai pianeti di formarsi. Inoltre, l’intera eliosfera, formata dal campo magnetico solare, è profonda esattamente cinque volte la pulsazione di 160 minuti
Inoltre, Stoneking ha scoperto che ogni pianeta è posizionato ad un determinato numero esatto di diametri solari di distanza dal Sole. Ogni orbita planetaria cadrà perfettamente in linea con una delle “increspature” formate dalla pulsazione del Sole attraverso l’etere dal momento che risuona come un tamburo gigante. Il diagramma precedente fa sembrare che solo i pianeti esterni si allineano col diametro solare, ma il diagramma non è in scala; e il diametro del sole è in realtà molto più piccolo della pulsazione di 160 minuti. Questa connessione armonica tra le posizioni dei pianeti fornisce il dato scientifico forte che Oliver Crane ha dedotto nel suo documento “Oscillatore Centrale”.

http://www.feandft.com/vortex_basics.htm

The Vesica Piscis is the womb of Creation

Vedic Cosmos — The Mystery of the workings of the universe