Rispondi a: ATTENTATO A KABUL: UCCISI SEI MILITARI ITALIANI diretta rainews24

Home Forum L’AGORA ATTENTATO A KABUL: UCCISI SEI MILITARI ITALIANI diretta rainews24 Rispondi a: ATTENTATO A KABUL: UCCISI SEI MILITARI ITALIANI diretta rainews24

#129928

sephir
Partecipante

[quote1253218443=patrizia.pr]

Il figlio di una mia amica è un lagunare è stato a Nassiria e non è morto, è tornato si è sposato ed ha avuto una bellissima bimba, è il miglior ragazzo che conosca sereno ed equilibrato, dolce di carattere e attento al prossimo, non è andato lì per uccidere ma per aiutare… lui è tornato.

Ho un amico che opera con medici senza frontiere anche loro si espongono ai pericoli, alcuni vengono rapiti, nello Yemen per esempio, non sono andati ad uccidere ma a salvare le stesse persone che poi li aggrediscono.

Quando muoiono medici o militari in missione, dove stà la differenza ???

Ognuno ha già fatto la sua scelta, molto prima di andare laggiù.

[/quote1253218443]

Patrizia sono entrambi uomini a mio avviso e nessuno meriterebbe la morte… la scelta del secondo la condivido la prima no… il risultato del primo è stata fortuna di esser vivo, che molti militari hanno data l'assimmetria di potere in campo, e se lui non è andato per uccidere, ha dato una grossa mano a chi lo farà…

se il secondo non voleva uccidere ma aiutare sapeva che se un occidentale va in quelle zone si espone anche ad elementi umani altrettanto ignoranti o disperati (per lo più disperati) quanto i militari che “portano pace”, esponendosi al mirino del pregiudizio : se per anni nella mia terra uomini bianchi in divisa fanno manbassa (anche culturale), qualsiasi cosa sia legato a questi occupanti, per me che ho il cuore indurito dalla guerra mossami, dal sangue, dalla paura e miseria e per chi ce l'ha indurito da ben prima della guerra (perchè non è che in afghanistan non esistano uomini pieni di odio e rabbia e gioiosi con le armi, sono però molti meno di migliaia di divise) sarà un oggetto di odio e un arma contro chi fa tutto questo.

NOn sono insomma proprio le stesse persone che vengono salvate ad aggredire (anche se può accadere)…