Rispondi a: ATTENTATO A KABUL: UCCISI SEI MILITARI ITALIANI diretta rainews24

Home Forum L’AGORÀ ATTENTATO A KABUL: UCCISI SEI MILITARI ITALIANI diretta rainews24 Rispondi a: ATTENTATO A KABUL: UCCISI SEI MILITARI ITALIANI diretta rainews24

#129945

patrizia.pr
Partecipante

[quote1253306038=sephir]

E poi credo ci sia una scelta ancora precedente, quando un essere sceglie di mettersi alla prova qui, in questa vita e vive un percorso, giusto o sbagliato è il Suo percorso e nessuno può giudicare.
Facciamo congetture, accusiamo, dare la colpa a chi?

Un giorno un sacerdote Speciale mi disse: non esiste il peccato esiste l'esperienza… solo questo, l'esperienza, giusta o sbagliata non si può giudicare.

Siamo veramente pacifici per giudicare chi và in guerra o in missione di pace che dir si voglia, se fosse così, se veramente fossimo in pace non ci sarebbe ostilità, in nessun luogo!!!

Sono d'accordo con il tuo sacerdote Speciale patrizia, e infatti continuo a pensare “banalmente” che la cosa più difficile da affrontare è la lotta contro se stessi… come dici tu, prima che la pace interiore ( cioè la disfatta di un bel po di oscurità, contraddizioni, crudeltà che ci portiamo dietro magari convinti di essere belle persone), sia arrivata, il giudizio dell'”esperienza” altrui è solo un ulteriore problema irrisolto… e hai ragione a dire che la pace sarebbe nostra, perchè a quel punto chi giudicherebbe cosa? ognuno rispecchierebbe la bellezza dell'altro…

[/quote1253306038]

Che bello sarebbe “ognuno rispecchierebbe la bellezza dell'altro” … ma siamo già sulla buona strada da quanto si legge qui stasera, soprattutto quando viene espresso così bene!

Poter pensare alla bellezza dell'altro, quando tutto intorno a noi continua nell'incubo dell'oscurità e noi come in un'altra dimensione ci esprimiamo solidarietà ed apprezzamento, è questa l'energia che serve per cambiare il mondo, la Luce che pian piano illuminerà l'incubo dissolvendolo!!!

Mi piace visualizzare queste immagini di guerra con una Luce che arriva ed i protagonisti fanno cadere le armi guardandosi sbigottiti non capendo perchè avevano quelle armi in pugno e contro chi? l'avversario la stessa cosa e poi l'abbraccio fraterno… il seguito è prevedibile… un'amnesia generale ci vorrebbe!!!
:fri: