Rispondi a: Ignazio Marino for president

Home Forum L’AGORA Ignazio Marino for president Rispondi a: Ignazio Marino for president

#130519

paolodegregorio
Partecipante

-Marino segretario: una occasione buttata –

Il mio appello a votare Marino alle primarie del PD è stato ignorato, eppure era una straordinaria opportunità offerta ai milioni di precari, agli antinuclearisti, agli ambientalisti, che lo scienziato laico Marino, estraneo alla nomenklatura del PD, non colpevole della inesistente identità del PD, non colpevole delle sconfitte subite dal partito, dichiarava apertamente e chiaramente, in caso di vittoria, di tutelare.
Le persone che vivono il precariato, gli antinuclearisti che vogliono subito la energia rinnovabile e pulita sono milioni, ma non si sono scomodati a mettersi in fila per dare la maggioranza a Marino, e questo la dice tutta sulla tiepidezza e inconsistenza di queste persone.
Il PD è stato riconsegnato a coloro che hanno distrutto ogni speranza di superamento del capitalismo, a quelli che con le cooperative sono pronti a spartirsi la torta degli appalti del nucleare, delle basi militari americane, e che propongono a Torino la candidatura dell’”incorruttibile idealista” socialista La Ganga.
Oggi dobbiamo immaginare il ghigno soddisfatto del professionista a vita della politica, Massimo D’Alema, colui che decise insieme agli USA il bombardamento della Serbia, felicissimo dello sciocco menefreghismo dei suoi avversari, che avevano i numeri per mandarlo finalmente a godersi la sua nave a vela.

L’attuale democrazia non ci concede molte possibilità di contare. Non possiamo scegliere neppure i nomi dei deputati e senatori, ma quando c’è una occasione per contare davvero la buttiamo via.
Non mi è piaciuto che né Grillo, né Di Pietro abbiano fatto un appello ai loro simpatizzanti di andare in massa a votare Marino, visto che era l’unico i cui programmi coincidevano con le linee politiche di IDV e con le posizioni del movimento di Grillo, in un momento in cui bisogna aggrapparsi ad ogni opportunità per invertire il processo di allontanamento dalla partecipazione attiva alla politica di molti italiani.
Credo che ci dovrebbero spiegare il perché di questo mancato appello, e se non lo faranno in modo convincente credo che sarà l’inizio di un declino.
Paolo De Gregorio