Rispondi a: Ci rissiamo……

Home Forum L’AGORÀ Ci rissiamo…… Rispondi a: Ci rissiamo……

#131018

Detective
Partecipante

Ecco quel che ci vuole per dare un messaggio che sia veramente chiaro, utile ed istruttivo per tutti…..

MESSAGGIO DI CRISTO A GIORGIO BONGIOVANNI

IL VALORE DEL PERDONO

OGGI HO AVUTO UNA SANGUINAZIONE (COME LA VIVO QUASI OGNI GIORNO DA 17 ANNI).

HO RICEVUTO UN MESSAGGIO. QUESTO MESSAGGIO E’ STATA UNA RISPOSTA DEL MAESTRO, DEL CRISTO, A SENTIMENTI, A CONCETTI PROFONDAMENTE SPIRITUALI CHE IO A VOLTE GLI CHIEDO SULLE PERSONE E SUGLI EVENTI.

LA VISIONE DURANTE LA SANGUINAZIONE E’ AVVENUTA COME SEMPRE: LA LUCE, LA SAGOMA, IL CORPO DEL CRISTO PIENO DI LUCE, IL VOLTO DEFINITO MOLTO SIMILE ALLA SACRA SINDONE. REGGEVA CON LE SUE MANI DI LUCE UN LIBRO DI LUCE, CHE ERA LA BIBBIA. ISTINTIVAMENTE HO PENSATO CHE FOSSE LA BIBBIA. CON IL DITO MI INDICA IL LIBRO E DICE: “FIGLIO, LEGGI”.

E NELLA VISIONE SI FERMÒ DAVANTI A ME. VEDEVO IL LIBRO E C’ERANO DUE PAGINE APERTE E PIENE DI LUCE. LA PARTE CHE MI RIGUARDAVA ERA IN RISALTO AFFINCHE’ IO LA POTESSI LEGGERE CON I CARATTERI CHE MI SEMBRAVA FOSSERO DI COLORE AZZURRO. NON RIUSCIVO A LEGGERE TUTTO CIO’ CHE VI ERA SCRITTO PERCHE’ LA LUCE ERA FORTE, MA HO LETTO QUELLO CHE MI INTERESSAVA:

“Allora Pietro gli si avvicinò e gli disse: “Signore, quante volte dovrò perdonare il mio fratello se pecca contro di me? Fino a sette volte?”.

E Gesù gli rispose: “Non ti dico fino a sette, ma fino a settanta volte sette”.

le FRASI non RIPORTAVANO LA SCRITTA: “cap. 18, versetto 21”. erano FRASI E NIENT’ALTRO. dopo la sanguinazione ho voluto verificare. ho preso il vangelo, ho cercato e HO trovato.

POI la visione e’ svanita.

E nella visione mi sono ricordato: non era necessario che il cristo MI PARLASSE DIRETTAMENTE. MA TERMINATA LA lettura di questa parte del libro, QUAndo il libro si È ALLONTANATO, la visione HA INIZIATO a ritirarsi e vedevo il VOLTO del cristo, in quelLO STESSO momento durante la visione HO RICORDATO le parole CHE IL cristo mi ha detto in diversi messaggi, in diversi incontri che ho avuto:

“tu devi annunciare la giustizia, la mia gloria, la mia seconda venuta al mondo, la giustizia divina, ma fino a quel giorno trasmettI sempre ai tuoi fratelli che il fratello deve perdonare Il fratello, solamente cosi’ possono essere miei discepoli”.

dopo la sanguinazione trovo nel “capitolo 18, versetto 21” CIO’ che avevO letto nel libro che Gesu’ TENEVA IN mano.

e’ chiarissimo ed e’ anche importante leggere cio’ che segue a continuazione:

23 – PER CUI il regno dei cieli è simile a un re che volle fare i conti con i suoi servi.

24 – INIZIANDO A FARE I CONTI, gli fu presentato uno che gli era debitore di diecimila talenti.

25 – Non avendo però costui il denaro da restituire, il padrone ordinò che fosse venduto lui con la moglie, con i figli e con quanto possedeva e saldasse così il debito.

26 – Allora quel servo, gettatosi a terra, lo supplicava: “Signore, abbi pazienza con me e ti restituirò ogni cosa”.

27 – Impietositosi del servo, il padrone lo lasciò andare e gli condonò il debito.

28 – Appena uscito quel servo trovò un altro servo come lui che gli doveva cento denari e, afferratolo, lo soffocava e diceva: “Paga quel che devi!”.

29 – Il suo compagno, gettatosi a terra, lo supplicava dicendo: “Abbi pazienza con me e ti rifonderò il debito”.

30 – Ma egli non volle esaudirlo, andò e lo fece gettare in carcere, fino a che non avesse pagato il debito.

31 – Visto quel che accadeva, gli altri servi furono addolorati e andarono a riferire al loro padrone tutto l'accaduto.

32 – Allora il padrone fece chiamare quell'uomo e gli disse: “Servo malvagio, io ti ho condonato tutto il debito perché mi hai pregato”.

33 – Non dovevi forse anche tu aver pietà’ del tuo compagno, così come io ho avuto pietà di te?

34 – E, sdegnato, il padrone lo diede in mano agli aguzzini, finché non gli avesse restituito tutto il dovuto.

35 – Così anche il mio Padre celeste farà a ciascuno di voi, se non perdonerete di cuore Il vostro fratello.

quanti peccati abbiamo noi con dio? allora quando qualcuno ci offende dobbiamo perdonarlo, affinche’ dio ci possa perdonare, perche’ se noi non perdoniamo, nemmeno uno dei nostri peccati sara’ perdonato nel giudizio finale.

questo e’ molto importante. che tutte le arche ne prendano coscienza, che tutto il mondo prenda coscienza.

la domanda e’: come possiamo perdonare i criminali che assassinano la vita e i bambini, coloro che vendono armi, che fanno la guerra? di fatto il cristo mi ha detto:

“tu devi denunciare le ingiustizie e annunciare la giustizia divina”.

allora dobbiamo perdonarLi nel cuore se si pentono, ma anche denunciare e dire la verita’, cosI’ come lui fece duemila anni fa di fronte al sinedrio e di fronte ai mercanti del tempio quando diSSe: “Non giudicare”. il messaggio di oggi si riferisce a tutti i fratelli spirituali, a tutti coloro che seguono un cammino. quando pietro chiede al maestro: “Signore, quante volte devo perdonare Il mio fratello?”.

il fratello, nell’interpretazione del vangelo, e’ il tuo stesso fratello, che cammina con te, che ti offende o che tu offendi. perdoniamoci le reciproche offese perche’ siamo fratelli e anche noi pecchiamo. il perdono ai criminali e agli assAssini della vita, A coloro che uccidono la vita, lo lasciamo nellE manI di dio.

il nostro compito e’ denunciare, dire la verita’ al mondo e minacciarli con la giustizia divina se non si pentono, questa e’ la differenza. per questo il cristo mi chiede di perdonare i fratelli, mi chiede che i fratelli si perdonino tra loro e mi chiede anche di annunciare la giustizia divina, la sua gloria e di denunciare l’anticristo.

montevideo 9 maggio 2006 15:30 ORE

DAL CIELO ALLA TERRA

VISIONE E MESSAGGIO DI CRISTO

A GIORGIO BONGIOVANNI

STIGMATIZZATO

[link=hyperlink url] http://www.escatologia.biz/il%20valore%20del%20perdono.htm [/link]

Spero di cuore di aver fatto la cosa giusta :ok!: