Rispondi a: Un' interpretazione…"tecnologica" del 2012

Home Forum L’AGORÀ Un' interpretazione…"tecnologica" del 2012 Rispondi a: Un' interpretazione…"tecnologica" del 2012

#131056
giusparsifal
giusparsifal
Partecipante

Sapendo a stento cosa è la “vita” (io vivo ma oltre, realmente, non so, se non supposizioni) io non escludo nulla.
Non so se gli esseri umani saranno mai in grado di ricrearla, in realtà lo facciamo da “sempre” con l'accoppiamento ndr, e comunque, senza tirare in ballo ET o dei, da oltre 100 anni crediamo nella “tecnologia” a cui affidiamo la nostra salvezza.
Saranno certamente creazioni umane ma dalla Profezia di Celestino (in particolare con la Decima illuminazione) alle “testimonianze” dei contattisti, la differenza la fa sempre la tecnologia.
Lo scopo sarebbe quello di liberare gli esseri viventi dalle loro incombenze materiali di basso livello per dedicarsi, appunto, alla crescita spirituale.
A me questo sembra plausibile. In realtà quello che ci blocca, su questo pianeta, è ancora la sfida alla sopravvivenza.
E' solo cambiato lo scenario rispetto ai primi ominidi “comparsi” sulla Terra, ma di fondo l'essere umano ha ancora come prima preoccupazione quella di mangiare, riprodursi, riposare.
Per fare tutto ciò deve “lavorare”. D'accordo, c'è la deriva del consumismo ma al momento tutto il “mondo” funziona così, consumando diamo l'opportunità ad altri di lavorare, di sopravvivere, di vivere, di consumare a loro volta e dare lavoro ad altri, in un cerchio che sembra infinito.
La vera “speranza”, dal punto di vista materiale, sono in effetti le “macchine” e la loro capacità di effettuare lavori in modo autonomo e di “produrre” ricchezza in modo da liberare l'uomo da questa incombenza.
In parte ci siamo già riusciti ed in parte la ricchezza è stata in effetti ridistribuita (noi viviamo in un'epoca molto migliore dal punto di vista della sopravvivenza e del tempo libero rispetto a soli 50 anni fa, non dimentichiamolo).
Se poi, come in molti classici di fantascienza, queste macchine svilupperanno anche un'autonomia intellettuale… be' se una cosa potesse mai accadere io la vedrei come una storia che si ripete, magari (come alcuni testi mistici farebbero presupporre) lo stesso destino che un tempo capitò agli esseri umani…