Rispondi a: Berlusconi: "ci hai rotto xxxxx"

Home Forum L’AGORA Berlusconi: "ci hai rotto xxxxx" Rispondi a: Berlusconi: "ci hai rotto xxxxx"

#131396
InneresAuge
InneresAuge
Partecipante

[quote1298041855=deg]
L'Italia invece non si è sentita minimamente offesa dalle indagini che ipotizzavano nei suoi confronti i reati di:

corruzione giudiziaria,

finanziamento illecito ai partiti,

falso in bilancio,

corruzione,

falsa testimonianza,

appropriazione indebita,

frode fiscale,

traffico di droga,

concorso in strage (1992-1993),

concorso esterno in associazione mafiosa,

abuso d'ufficio,

concussione aggravata e minaccia….

Per questi reati no.

Nessuno è sceso in piazza.

STANNO SUCCEDENDO NELL'AREA MEDITERRANEA LE RIVOLUZIONE DEL C … FATTI DA TESTE DI C … FINANZIATE DA TESTE DI C … CON I SOLDI DEI SOLITI TESTE DI C.”

(Salvatore Maiorca)
[/quote1298041855]

Normalissimo, “siamo” anarchici e egoisti… e pensiamo di essere anche furbi. Quindi se Berlusconi ruba, non pensiamo che sta rubando a noi quindi chissene… prendiamocela piuttosto con il lavavetri che ci chiede direttamente a noi 50 centesimi.
E poi i media… croce e delizia di tutti i poteri del mondo. Non a caso lui non li mollerebbe nemmeno sotto tortura…

Mi permetto però di dissentire su una cosa: almeno le donne hanno fatto bene a scendere in piazza… e hanno fatto persino troppo poco. Purtroppo viviamo in un paese fortemente maschilista, dove anche Sanremo è una degna rappresentazione del maschilismo radicato nell'animo di tanti uomini e tante donne.
Siamo totalmente assuefatti alla classica rappresentazione dell'uomo dominante e della donna oggetto ancora non emancipata… e Berlusconi su questo ci nuota felice e ne fa una delle sue armi.


Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
- Franco Battiato