Rispondi a: Il Disclosure ai giochi finali

Home Forum L’AGORA Il Disclosure ai giochi finali Rispondi a: Il Disclosure ai giochi finali

#132283

CANERO
Partecipante

NASA e GM lavorano per sviluppare la prossima generazione di tecnologia robotica

[youtube=480,340]lSk2iKqrp64

I robonauti si stanno evolvendo. Pian piano, sempre più idee portano nella direzione dell’uso massiccio di robotica nel futuro dell’esplorazione spaziale. NASA e General Motors, stanno lavorando insieme per accelerare lo sviluppo della futura generazione di tecnologie robotiche, per usarle nel industria automobilistica e aerospaziale.
Ingegneri e scienziati della NASA e GM, unite dal Space Act Agreement, lavorano insieme per creare un robot umanoide capace di lavorare fianco a fianco con gli uomini. Usando le ultimissime tecnologie a disposizione per il controllo, i sensori, e la visione, i futuri robot potranno assistere gli astronauti durante missioni spaziali molto pericolose.Dal altro canto, GM spera di riuscire a costruire macchine e fabbriche molto più sicure.

Le due organizzazioni, con l’aiuto degli ingegneri del Oceaneering Space Systems di Huston, hanno sviluppato e costruito il futuro robonauta. Robonaut 2, o R2, è più veloce, più abile, e più tecnologicamente avanzato. Questa nuova generazione di robot può usare le mani per fare cose che vanno oltre lo scopo che prima ad ora era destinato alle mani robotiche umanoidi. R2 può lavorare in modo sicuro accanto alle persone, una necessità sia sulla Terra che nello spazio.

“Questa tecnologia all’avanguardia è molto promettente, non solo per NASA ma per tutta la nazione”, afferma Doug Cooke, amministratore associato per l’Exploration Systems Mission Directorate preso la NASA.”Sono davvero eccitato alla prospettiva di tutte le nuove opportunità che si aprono riguardo le future esplorazioni spaziali,umane e robotiche,e sono sicuro che questi robot molto versatili potranno dare una grossa mano in un ampio gamma di applicazioni e problemi.
I robot, sono stati progettati per poter usare i stessi utensili dei umani, facendo si che possano meglio lavorare accanto a noi.
“Per la GM si tratta invece di macchine più sicure, e fabbriche più affidabili.” spiega Alan Taub, il vice presidente per la ricerca e sviluppo, alla GM. “Quando si tratta di veicoli futuri,i progressi in controlli, sensori, e visori, sono tutti parte di una tecnologia che può facilmente poi essere usata per lo sviluppo di macchine più sicure. La visione di questo partnership è di far avanzare concretamente la tecnologia robotica, e lavorare insieme in armonia con le persone.Costruire meglio,con una qualità maggiore, più veloce e in modo più sicuro.”
L’idea di usare robot umanoidi capaci di usare le loro mani per fare lavori molto delicati non è nuova nell’industria aerospaziale. Il Robonaut originale, un robot umanoide progettato per il viaggio spaziale, fu costruito dalla NASA insieme alla DARPA( Defence Advanced Research Project Agency) circa 10 anni fa. Durante l’ultimo decennio, NASA ha guadagnato molta esperienza nel costruire tecnologia robotica per le applicazioni spaziali. Queste capacità aiutano la NASA a lanciare una coraggiosa nuova era nell’esplorazione spaziale.
La nostra sfida oggi, è costruire macchine che possono aiutare il lavoro umano, e l’esplorazione nello spazio.” spiega Mike Coats.”Lavorare fianco a fianco con gli u mani, o andare dove il rischio per gli umani è troppo grande,è la prerogativa del nostro progetto. i Robonaut espanderanno le nostre capacità di costruzione e scoperta.”

NASA e GM hanno una lunga storia di collaborazioni alle spalle, sin dai anni 1960, con lo sviluppo e la progettazione dei sistemi di navigazione delle missioni Apollo. GM ha giocato un ruolo essenziale anche nello sviluppo del Lunar Rover Vehicle, il primo veicolo usato sulla luna dagli astronauti.

http://link2universe.wordpress.com/2010/02/06/nasa-e-gm-lavorano-per-sviluppare-la-prossima-generazione-di-tecnologia-robotica/