Rispondi a: Il Disclosure ai giochi finali

Home Forum L’AGORÀ Il Disclosure ai giochi finali Rispondi a: Il Disclosure ai giochi finali

#132611

Erre Esse
Partecipante

http://www.centroufologicoionico.com/articoli/ufo-e-documenti/618-divulgazione-ufficiale-quna-impossibilita-praticaq

[size=18]Divulgazione ufficiale: “una impossibilità pratica”

L'avvocato Peter A. Gersten, fondatore del CAUS (Citizen Again UFO Secrecy), aveva pubblicato questo testo nel mese di luglio dell'anno 2000. Il suo punto di vista può essere dibattuto benissimo anche oggi:

“L'espressione 'Divulgazione Ufficiale' è un'assurdità. Le autorità non possono per principio rivelare le informazioni segrete, nell'interesse della sicurezza nazionale e nella preservazione dei loro privilegi.

Diversi mesi fa, la rete internet fu in fermento a seguito di una informazione secondo la quale la NASA stava sul punto di pubblicare una importante dichiarazione riguardante il pianeta Marte. Alcuni ufologi hanno ingenuamente pensato che questo annuncio consisteva nel confermare ciò che noi aspettavamo…vale a dire di essere in contatto con una intelligenza extraterrestre, negli ultimi cinquant'anni. In realtà, questo annuncio riguardava la presenza di acqua, che era stata stabilita da anni, dalle prime osservazioni dei cosiddetti 'canali'.

Dal 1977, data del mio impegno professionale in quello che viene chiamato 'fenomeno UFO', ho praticamente cessato di ascoltare i proclami che avvengono ogni anno, ossia che noi siamo sull'orlo di una rivelazione (disclosure) 'ufficiale'. Quell'anno, il settimanale 'U.S. News & World Reports' pubblicò una prima pagina sensazionale, secondo la quale il Governo degli USA era sul punto di fare delle importanti rivelazioni sugli UFO. Oltre 30 anni dopo, ed una moltitudine di annunci dello stesso genere, nulla è ancora uscito fuori.

Il fatto di credere che un giorno il Governo degli USA pubblicherà una dichiarazione 'ufficiale' sulla realtà di una presenza extraterrestre è illogica quanto quella di attendere di vedere degli ET atterrare sul giardino della Casa Bianca e chiedere di parlare con un responsabile. E' il genere di cose che rischia di non accadere mai! Ancora più importante: una tale rivelazione non avrebbe nessuna giustificazione concreta…ipotizzando che ci sia un segreto nascosto.

Qualunque sia la natura di questa intelligenza che si manifesta in rapporto con la nostra specie, almeno una cosa è certa: a causa della sua stessa natura, della sua origine, e delle sue caratteristiche, a tutt'oggi è preferibile studiare il tutto in gran segreto, al di fuori del controllo dei membri del Congresso, lontano dai giornalisti e dalle costanti domande del pubblico, desideroso di risposte.

Il fenomeno UFO, qualunque cosa rappresenti, implica una tecnologia. In primo luogo, confrontiamo la nostra tecnologia…e i nostri programmi confidenziali (denominati 'Black Projects'). La tecnologia militare è classificata in nome della sicurezza nazionale e sarà sempre così. E' la ragione dalla quale non ci dobbiamo attendere delle pubbliche audizioni davanti ai nostri rappresentanti. Quanto alla tecnologia industriale, essa è protetta dai brevetti, dai segreti di fabbricazione, e dai procedimenti depositati. Essa non sarà, dunque, mai esposta pubblicamente. La tecnologia è il motore essenziale della nostra società e le sue procedure sono rivelate alla spicciolata al fine di preservare i profitti e i progressi. Essa ha accumulato vantaggi che beni finanziari e più sicurezza che lingotti d'oro.

Al livello superiore sono situati i dispositivi tecnici utilizzati da alcuni UFO, in particolare quelli che sembrerebbero controllare la Materializzazione-Dematerializzazione. Quelli che comunicano con gli osservatori e attuano la metamorfosi. Appare chiaro che siamo sempre alla ricerca di comprendere e assimilare tale tecnologia.

Quello che accadde a Roswell non è di ordine materiale. Quell'evento fu un messaggio simbolico del fatto che una tecnologia più avanzata si è presentata prima che la nostra specie fosse 'spiritualmente' pronta per l'integrazione. Si potrebbe affermare che un virus si è introdotto nel programma del nostro computer cosmico.

Ai più alti livelli, la nostra realtà tridimensionale costituisce una sorta di tecnologia 'futurista', come una sorta di programma nel computer cosmico, che potrebbe benissimo essere il teatro di un vasto conflitto di interessi tra differenti Forze presenti nell'Universo.

Altresì, fino a quando la tecnologia sarà in gioco, non attendiamoci nessuna divulgazione ufficiale.

Inoltre, qualunque annuncio ufficiale dovrà, necessariamente, spiegare:

1) Perchè ci hanno mentito per anni;
2) la realtà di ciò che avvenne a Roswell;
3) chi ha costruito le strutture artificiali nel nostro Sistema Solare;
4) il significato dei cerchi nel grano; e
5) la natura dei triangoli volanti.

Se si aggiunge a tutto questo la questione delle mutilazioni animali, i sequestri o rapimenti, e tutti i fenomeni
paranormali, appare evidente che nessuno aprirà mai il Vaso di Pandora.

Dobbiamo ritornare sul fatto che l'espressione 'Divulgazione Ufficiale' è un ossimoro. E' l'evidenza che il ruolo delle autorità è quello di non rivelare delle informazioni riservate…che esistono per preservare gli interessi della sicurezza nazionale o i loro propri interessi. Lo stesso termine presenta una 'ambiguità'. Chi poteva permettersi d'esprimersi 'ufficialmente' (riferito ad un individuo o ad una agenzia)? Ma è più importante chiedersi, chi sarebbe in grado di conoscere la verità? E tra i nostri deputati eletti, anche lo stesso Presidente avrebbe proceduto a rilasciare una informativa ufficiale? Impossibile! I nostri eletti sono in carica da diversi anni, e sono solo di passaggio, senza disporre di reale potere in questa società con complesse strutture, mentre il potere – si dice – sembra essere sotto il controllo di un gruppo segreto di personaggi nell'ombra.

E per quanto riguarda l'aspetto militare…? Il Capo di Stato Maggiore degli USA potrebbe parlare? Anche in questo caso è impossibile. Come abbiamo visto in precedenza, i militari non hanno praticamente nulla da guadagnare nel caso in cui divulghino pubblicamente che esiste una potenza che sfida ancora la nostra comprensione.

Infatti, per quanto riguarda il fenomeno UFO, è nell'interesse degli stessi militari organizzare una disinformazione destinata ai suoi nemici, e di passaggio…abusare della propria popolazione. Il fenomeno, ugualmente, può essere usato come copertura per sperimentare ogni tipo di programma segreto, senza dover dare spiegazioni sulle sperimentazioni in volo.

Che dire poi della nostra comunità scientifica o dei nostri giornalisti indipendenti che hanno il compito di informare il pubblico? Voi mi perdonerete di non essere molto convinto delle capacità di questi due gruppi di essere all'altezza del loro compito, quello di soddisfare il nostro 'Diritto di Sapere' e di apportarci gli elementi necessari.

Quindi, amici miei, non si produrrà mai una 'Divulgazione Ufficiale' di tale importanza. E se per caso ciò dovesse avvenire…sarei molto dubbioso rispetto alle informazioni che possono essere rivelate e sospettoso delle motivazioni che possono aver condotto a queste rivelazioni”.