Rispondi a: Signori e signore, il mondo sta cambiando…

Home Forum L’AGORÀ Signori e signore, il mondo sta cambiando… Rispondi a: Signori e signore, il mondo sta cambiando…

#132775
farfalla5
farfalla5
Partecipante

Milano: 10 donne elette nelle liste di Pisapia
Il nuovo sindaco supera i voti della Moratti nel 2006. [color=#ff0000]Una solo donna col centro-destra.[/color]
Giulia Nitti
È ufficiale: Giuliano Pisapia è il nuovo sindaco di Milano. Dopo 19 anni il centro-sinistra conquista la capitale del berlusconismo. Una svolta storica.
Nello spoglio reale Pisapia ha totalizzato il 55,1% delle preferenze, la Moratti il 44,9. Il candidato di Sinistra e Libertà scelto con il voto delle primarie ha totalizzato in questo ballottaggio più preferenze di quanti ne aveva ricevute Letizia Moratti durante il voto del 2006. Allora l'ex sindaco di Milano fu scelto da 353.410 cittadini, ieri Pisapia ha avuto 365.657 voti.
L'arancione, insomma, ha fatto il suo dovere.

Le donne elette con Pisapia
Tante le donne elette nelle liste che sostenevano la candidatura di Giuliano Pisapia. Sui sessanta consiglieri che siederanno a Palazzo Marino, le dieci elette provengono tutte dal centro-sinistra. Cinque sono del Pd: Maria Carmela Rozza Maria Elisa D'amico, Paola Bocci, Maria Grazia Guida, Maria Anna De Censi. Due su tre le elette con Sinistra e Libertà, Ines Quartieri e Daniela Benelli, mentre sono entrambe di sesso femminile le nuove consigliere elette con la Lista civica per Pisapia, Anna Scavuzzo ed Elisabetta Strada. Eletta infine con Sinistra per Pisapia Anita Sonego. Nessuna donna, fatta eccezione per Maria Moioli (Milano al Centro), ha invece raggiunto i voti necessari per sedere tra i banchi dell'opposizione. Gli eletti nelle liste a sostegno della Moratti sono tutti uomini. ……………………
http://www.ilsalvagente.it/Sezione.jsp?titolo=Milano%3A+10+donne+elette+nelle+liste+di+Pisapia&idSezione=10981


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.