Rispondi a: La seconda venuta di Gesù Cristo

Home Forum MISTERI La seconda venuta di Gesù Cristo Rispondi a: La seconda venuta di Gesù Cristo

#13290
Richard
Richard
Amministratore del forum

non hai bisogno di difendere, nè qui nè altrove, se trovi dei benefici seguendo ciò che Bongiovanni condivide, allora prendi quello che ti è di aiuto ..ma poni sempre le domande dentro di te non ti appendere tutto alle parole degli altri
la natura è un mare in cui si è dipendenti e indipendenti, c'è un continuo scambio ma ognuno ha la sua Luce interiore e deve tenerla accesa da sè
Idem per i fedeli della chiesa qualunque sia, ognuno fa il suo percorso e puoi gridare quanto vuoi che alla fine ognuno sente ciò che sente e fa la sua strada, possiamo discutere,condividere, ma non serve gridare agli altri “aprite gli occhi”, anzi ottieni l'effetto contrario

Guarda cosa trovo..un'interpretazione di un sogno particolare data da Edgar Cayce, le cose si possono vedere in modi differenti:

Domanda: Sognai di vedere il viso sofferente di Gesù. Una mano stava sanguinando. Allo stesso tempo udii dentro di me: ‘Tu non mi hai scelto, ma io ho scelto te. Guarda, sono anche con te, fino alla fine del mondo.’

Risposta di Cayce: Com’è indicato nella visione, sii, per gli altri, le Sue mani, anche il Suo viso, così che gli altri possano conoscere la gloria (servizio) del Signore nella loro vita, nelle loro esperienze. Non attraverso cose grandi bensì attraverso i piccoli gesti di gentilezza, giorno per giorno. L’esperienza del sogno di vedere il Suo viso sofferente, la Sua mano sanguinante è un avvertimento. Sii costante nella preghiera! Medita spesso se vuoi che Lui cammini con te. Perché attraverso i tuoi sforzi, i tuoi tentativi, il tuo fine aiuti a tenere gli altri sulle vie del Signore. 540-18
http://www.edgarcayce.it/media/sognimasp.htm

Io non ho studiato psicologia o l'interpretazione dei sogni .. uno psicologo darebbe altra interpretazione, ma anche guardandola dal punto di vista di una persona, in questo caso Cayce, profondamente Cristiana, profondamente applicata nello studio della Bibbia per quanto ne so, che ha lasciato un forte segno nell'ambito della ricerca spirituale/parapsicologica, abbiamo una interpretazione che non parla di sciagure apocalittiche..

Ma anche qua non serve discutere o fare a gara su chi ha ragione o meno…ognuno decide per sè e può condividere con gli altri..una cosa è certa, ci dobbiamo dare da fare fin dalle piccole cose..
E' sbagliato mettere in contrasto, dobbiamo unire..

ancora:

Essenzialmente i readings (nota mia:le letture psichiche di Cayce) presentano Gesù come nostro fratello maggiore, un’anima che venne per mostrare ad ognuno di noi la via di ritorno alla nostra fonte spirituale manifestando perfettamente le leggi del Creatore. parte della sua missione era dimostrare in pieno la consapevolezza vivente dello spirito sulla terra – qualcosa che ognuno di noi dovrà fare col tempo. Perciò la vita di servizio per gli altri di Gesù serve come esempio per tutta l’umanità. Il reading afferma:
“Perché il Maestro, Gesù, proprio il Cristo, è il modello per ogni uomo sulla terra, sia egli nobile o ebreo, parteniano o greco. Perché tutti hanno il modello, facciano essi appello a quel nome o meno”. (3528-1)
Questo modello di perfezione, chiamato la Coscienza Cristica, è la “consapevolezza in ogni anima, impressa come schema nella mente e in attesa di venir risvegliata dalla volontà, dell’unità dell’anima con Dio” (5749-14). Senza riguardo alla religione individuale o a credo personali questo modello Cristico esiste in potenzialità nella fibra stessa del loro essere. E’ quella parte di noi che è in perfetto accordo con il Creatore e che sta semplicemente aspettando di trovare manifestazione nella nostra vita.
“Perché davvero in Lui, il Dio-Padre, vi muovete ed avete il vostro essere. Agite di conseguenza! Non agite pensando di essere un dio! Potete diventarlo, ma quando lo siete non pensate a voi stessi. Poiché qual è il modello ? Egli non pensava che fosse ruberia fare Se Stesso uguale a Dio, ma Egli agì di conseguenza sulla terra”. (4083-1) Noi, come il figliol prodigo (Luca 15:11-32), eravamo con Dio in principio, e per scelta e esperienza ci siamo trovati tagliati fuori da una consapevolezza completa di Lui.
http://www.edgarcayce.it/media/unit%E0laprima.htm