Rispondi a: MATTATOIO

Home Forum L’AGORA MATTATOIO Rispondi a: MATTATOIO

#133969
Richard
Richard
Amministratore del forum

equilibriamo la discussione:

Lunghezza dell'intestino tenue

Carnivori: da 3 a 6 volte la lunghezza del corpo
Erbivori: da 10 a piu' di 12 volte la lunghezza del corpo
Onnivori: da 4 a 6 volte la lunghezza del corpo
Umani: da 10 a 11 volte la lunghezza del corpo
http://laverabestia.org/read_post.php?id=13

——–

Gli animali e la complessa digestione dei vegetali

Gli animali erbivori sono capaci di ricavare il massimo rendimento alimentare dall'erba e da altri vegetali grazie alle colonie di Batteri e Protozoi che vivono all'interno del loro apparato digerente. In ogni caso, il potere nutritivo di erbe e foglie è scarso, per cui è necessario digerirne grandi quantità per ottenere il minimo indispensabile di calorie. Per questo motivo l'apparato digerente degli animali erbivori è dilatato ed enormemente complicato.

http://www.animalinafrica.com/animali-erbivori.html

Non siamo erbivori, poiché il nostro intestino è troppo corto e non siamo in grado di digerire la cellulosa.
Non siamo carnivori, poiché il nostro intestino è troppo lungo e l'ambiente intestinale non è sufficientemente acido.
Il nostro apparato digerente è in grado di gestire contemporaneamente qualunque cibo, ma a una condizione: la quantità deve essere adeguata. Esiste cioè un limite oltre il quale l'apparato digerente di una persona sana va in crisi. La prima regola per una corretta digestione è di non oltrepassare questo limite.
Per digerire correttamente occorre moderare le quantità prima della qualità dei cibi.
http://www.cibo360.it/cibo_salute/digestione/

La cellulosa, invece, come nei mammiferi erbivori, viene attaccata dai batteri cellulosolitici, nel secondo tratto dell’intestino, precisamente nel cieco e nel colon, in questo tratto vengono sintetizzate anche molte vitamine del complesso B e la vitamina K. Dalla demolizione della cellulosa si formano gli acidi grassi volatili (AGV) a corta catena carboniosa (ac. Acetico C2, ac. Propionico C3, ac. Butirrico C4, ac. Valerianico C5). Acidi che, assorbiti attraverso le pareti intestinali, rappresentano circa il 50 – 60 % dell’energia necessaria all’animale per il mantenimento e la produzione.
http://www.apa.cn.it/Sezioni/Struzzo/struzzo.htm

Nello stomaco di alcuni mammiferi particolari batteri simbionti producono gli enzimi necessari alla digestione della cellulosa; nei ruminanti (ovini, bovini, giraffe, cammelli, renne e gnu) lo stomaco permette di rielaborare il cibo più volte prima dell'assorbimento.
http://www.aquazoo.it/animale/Il%20Regno%20Animale_file/page0030.htm

da notare che i link suddetti portano ad articoli sia favorevoli che contrari all'uso di carne o non relativi ad alimentazione