Rispondi a: La nostra paura piu grande….

Home Forum L’AGORA La nostra paura piu grande…. Rispondi a: La nostra paura piu grande….

#134243

xxo
Partecipante

Molto bello.
La paura è data dal non conosciuto e apparentemente diverso rapportato al nostro limitato modo di interpretare e soprattutto di voler spiegare. L'appartenenza o meno a idee che viaggiano su binari rinchiusi nella nostra prigione mentale ci fa vagare nel buio, difficile trovare la Via se non usciamo dalle parole, dai pensieri.

Il paradosso della separazione crea scompiglio, ci confonde sulla nostra natura e questo ci proietta in giudizi del tutto inesistenti. Sono proprio i giudizi che ci fregano, dati da parole e pensieri che non potranno mai dirci la verità.

Perchè quello che siamo e quello che è non può essere spiegato a parole.
Le lingue neolatine e soprattutto quelle anglosassoni non hanno questa possibilità. Leggere aiuta molto, è indubbiamente indispensabile per giocare in congrua maniera al gioco della vita “attuale” ma non può essere risolutivo nella comprensione della stessa.

Quando ci troviamo davanti ad opere di infinita conoscenza, portatrici di profonda luce e verità (ed il mondo ne è pieno) non si riesce a spiegarle, si può solo sentire la loro profondità, si rimane allibiti davanti a tanta grandezza; possiamo solo farne tesoro dentro di noi. Se proviamo a spiegarlo cade il fascino, cade la magia e tutto quel sentire diventa polvere che viene subito spazzata dal vento.

Noi e gli altri sono solo illusioni, in realtà siamo UNO. Ma si vede bene come dire questo grande concetto in linguaggio neolatino sminuisce il significato, si perde. Vediamo tutto al contrario, siamo riflessi, proiezioni codificate e rinchiuse. Difficile capire, le parole ed il pensiero non riescono a spiegarlo… l'oblio racchiude le menti… le parole non bastano.

[youtube=400,300]KWw2rurs7uM

Sottile gioco universale, gioco di specchi e di riflessi, frutto di grande amore universale evolutivo, simpatico, divertente, un semplice meraviglioso gioco di illusioni.
E di cosa aver paura?