Rispondi a: La seconda venuta di Gesù Cristo

Home Forum MISTERI La seconda venuta di Gesù Cristo Rispondi a: La seconda venuta di Gesù Cristo

#13604

giorgi
Partecipante

Scritto da giusparsifal:

Richard Feynman (nella foto) è stato uno dei più grandi fisici del secolo scorso. Premio Nobel nel 1965, fu un talento precocissimo e autodidatta in matematica. Era anche un uomo spiritoso.

Pensiamo al Dio del Vecchio, ma anche a quello del Nuovo Testamento: è un Dio, si afferma, di misericordia. Ma crea l’uomo e gli permette di diventare un peccatore. Lo espelle dal Paradiso e lo condanna ad una vita di stenti e di miserie. E, cosa filosoficamente ancor più inaccettabile, tollera la presenza del Male nel mondo. Non solo di quello compiuto coscientemente, per libera scelta, dall’uomo sull’uomo. Ma anche di quello indifferenziato, indifferente, ineluttabile per troppi esseri umani innocenti: malattie, fame, miseria. Questo è un Dio terribile, non di misericordia. Giudica e condanna a pene infinite la sua creatura, quella che, vogliono farti credere, Egli ama, avendola creata a Sua immagine e somiglianza.

Che immagine di Dio ci formeremmo se, invece di una sola Umanità, ve ne fossero molte o infinite, e tutte egualmente condannate alla sofferenza e al male? Crederemmo che per ciascuna è stato necessario, è e sarà necessario in futuro il suo Cristo crocefisso per la propria Redenzione?
……………………………………………………………………………………………………………………………………………
Risposta da giorgi:

Ricordiamoci che anche se una persona ha ottenuto un premio nobel non è che tutte le sue teorie siano esatte, perché il premio nobel è stato dato dall'uomo ma non viene dal Divino.

Il Dio vendicatore lo dice lui, perché Dio ci mette sulla scuola, qui sulla terra per noi è una scuola e se ne veniamo fuori bene abbiamo il nostro merito mentre se andiamo dalla parte sbagliata facciamo altro che creare a noi stessi problemi di sofferenza, (quindi siamo noi che sbagliamo).

Il Dio sta dando la terra promessa in quest'epoca, e la terra promessa non è di sofferenza ma di vita di amore giustizia e beatitudine, e fratellanza, modi che su di questa terra oggi giorno lo abbiamo dimenticato.

Ma questa terra promessa sarà data a chi merita e a coloro che sono qui in missione (perché molte persone hanno deciso di incarnarsi in questi momenti di questa era per cambiare le cose che vanno avanti da millenni e queste persone non meritano di soffrire perché già sono stati evoluti, ma dato che hanno deciso di abitare la terra per aiutare questo cambiamento anche loro soffrono nel modo diverso ma soffrono perché puri come sono non dovrebbero vivere in mezzo a noi.

Ora faccio anche un esempio:

Se persone nella vita precedente hanno fatto tanto male ad altri fratelli, cosa credete che nella reincarnazione siano qui a godere dei beni?
È una scuola e vige la legge della natura “chi di spada ferisce di spada perisce”
Questo tanto conosciuto Richard Feynman che ha ottenuto il premio nobel queste semplice cose non le ha ancora capite e tanto che si sente famoso vuole fare credere che Dio è terribile, ma è lui che non ha capito nulla di Dio, anche se ha scoperto delle belle cose, ma vivere e parlare male di Dio è la cosa peggiore perché un domani alla sua prossima reincarnazione chi gli dice che pure lui e da bambino sarà li a soffrire e pure quel giorno dirà che Dio è cattivo perché è innocente e soffre ma non avrà la possibilità di avere quel premio nobel e capire perché della sua sofferenza che se l'è causata lui.
A mio avviso stiamo attenti a quelli che non credono ad un nostro superiore perché da tante belle parole (a volte anche giuste), ma cadono poi nel tranello del Maligno, e se ci cadono perché col loro libero arbitrio gli sta bene così.

Attenzione che voi date troppo ascolto chi ha laure e premio nobel ma se quei individui invece che servire Dio servono Lucifero, da loro non ne venite fuori ma ci cadrete nel tranello, dunque prendete da loro cose giuste ma lasciate a stare cose che la vostra coscienza non ammette.

Dio ha dato una coscienza a tutti ed anche all'ignorante di materia, e se ce l'ha data è nostra convenienza usarla nel modo giusto.