Rispondi a: La seconda venuta di Gesù Cristo

Home Forum MISTERI La seconda venuta di Gesù Cristo Rispondi a: La seconda venuta di Gesù Cristo

#13609

El Mojo
Partecipante

“”Risposta da giorgi:
Allora tu credi solo a quello che ti tocca a te e tutto quelle che tocca ad altri tu non credi
e su questo io ti dico che sei nello sbaglio.””

“”Risposta da giorgi:
Tu stai soffermando che la vita è solo quella che la vedono la gran maggioranza
della gente ma qui ti sbagli, perché anche l'invisibile fa parte della realtà, e se per
te oggi alcune cose sono invisibili un domani quel invisibile ti sarà visibile e palpabile.””

===================
No Giorgi, questa è una tua interpretazione delle mie risposte.
La cosa fondamentale che ho imparato nel percorrere un certo cammino è spezzare il modo di vedere comune, limitato da una linea retta che parte dal punto A e si ferma al punto B. E' la visione del cavallo (o asino) col paraocchi, è la visione che ci insegnano da piccoli e che vorrebbero che noi conservassimo fino alla fine dei nostri giorni. Lo vorrebbero i politici, lo vorrebbe la chiesa, lo vorrebbero tutti i venditori di fumo che incontriamo nell'arco della nostra esistenza. E' la visione dell'uomo “semplice” che pochi problemi vuole porsi se non quelli di tirare avanti senza voler almeno cercare un pezzo di quel senso che dev'essere da qualche parte celato nella nostra vita. L'uomo guardava l'orizzonte e, per via della limitatezza del suo campo visivo, vedeva una linea retta; conclusione “ovvia” la terra era piatta. Poi è bastato allargare di poco il paraocchi e spostare lo sguardo un pò a destra e un pò a sinistra per vedere che la linea era arcuata. Oggi non dovremmo certo avere dubbi sul fatto che la terra sia sferica o quasi, ma i primi che hanno osato dirlo sono stati derisi e bruciati al rogo cosi come chi osava dire che il sole non girava intorno alla terra. Tu dirai che il ragionamento è lo stesso che tu stai applicando nei confronti delle mie risposte precedenti, ma non è così, è esattamente l'opposto, se ci pensi bene. Noi (intendo la maggior parte dell'umanità) abbiamo perso buona parte delle nostre possibilità di visione, e nonostante notevoli scoperte scientifiche continuiamo prevalentemente a ridurre ogni logica col considerare una linea retta A-B. Questo fa si che se io parlo male di Cavalier B. mi si colloca dall'altra parte della linea, vicino al Cavalier A. Se io parlo male della chiesa, automaticamente mi si colloca tra gli evoluzionisti. Se dico no ad una donna che mi fà delle avances, mi si colloca tra i gay. Se dico che la madonna non può apparire mi si colloca tra i miscredenti o coloro che “non credono alla madonna!” come che questo sia del tutto anomalo. Se c'è una cosa utile al singolo individuo e, di conseguenza, al genere umano intero è quella di iniziare a vedere oltre la linea e far apparire il cerchio di cui fà parte, per scoprire così che destra e sinistra sono solo concetti dovuti alla limitatezza del nostro spazio visivo non ampliato dalle facoltà percettive della mente. Quando arrivi a vedere il cerchio scopri finalmente che la sinistra può essere a destra della destra e viceversa, che tra bianco e nero ci sono mille sfumature di grigi e tra il viola ed il rosso un'infinità di sfumature di colore. Quando scopri che il cerchio è una spirale nastriforme allora scopri altre dimensioni, ma questo può essere solo un passo successivo. Esci dalla linea retta che hai tracciata davanti ai tuoi occhi, non dare più per ovvio e scontato ciò che ti insegna la chiesa, la scuola, la tradizione di famiglia o di paese. Comincia con lo spezzare quella linea che è dentro di te nei tuoi “credo” imposti da anni e anni di vita in un certo ambiente, e poi da solo vedrai illuminarsi realtà altrimenti inconcepibili. Capirai perchè la madonna non può apparire. Capirai che ben altre cose appaiono e non vengono viste.
Spero che tu voglia provare a farlo Giorgi, così potremo continuare un discorso.
Saluti.