Rispondi a: Nel nome di internet

Home Forum L’AGORA Nel nome di internet Rispondi a: Nel nome di internet

#136897

Anonimo

[quote1301640694=PRHOTEUS]
caro inneres , é questo il problema anzi da molto tempo a questa parte ci siamo basati che “sarà il tempo a decidere” , per tutto cio che ci circonda, per tutto cio che ci accade ogni giorno, {…}. Ma ci rendiamo conto, ci hanno fatto credere di essere liberi, invece siamo più schiavi di prima, ci hanno inventato la democrazia per infliggerci le loro leggi, ci hanno inculato e noi ancora qui a porgere il nostro sedere , ma basta , ci fanno le messe in scena di proteggere i popoli lanciandogli bombe sualla testa , e noi qui ancora a credere che se son rose fioriranno, fin quanto la gente la pensa cosi non si andrà mai avanti. possiamo fare mille discorsi ma se non ci riprendiamo quello che ci é stato tolto resteremo sempre sottomessi a chi ci fa le leggi per suo tornaconto , e li in Italia se ne ha una dimostrazione plausibile oggi come nel passato, ma la gente la si corrompe facilmente, ognuno per il suo benessere é disposto a tutto, tranne che a sacrificarsi per gli altri.

[/quote1301640694]
Innanzitutto bisogna distinguere le tre possibili democrazie:

1. la “democrazia” ideale, idealizzata, immaginaria, utopica, illusoria, inesistente, impossibile – dove il popolo sovrano ben informato e in piena coscienza decide davvero le sorti di una nazione, dove tutto va per il meglio e dove tutti vissero felici e contenti;
2. la democrazia reale – che potremmo chiamare, piuttosto, la mediocrazia o stupidocrazia dove regolarmente vince la mediocrità, la superficialità e la stupidità dunque l'opinione del branco di turno (il che genera ulteriore delinquenza e violenza nel mondo) poiché il voto della massa “ignurant” più o meno inconsapevole della Realtà, copre la voce di quei (pochi?) uomini intelligenti, giusti, informati a 360°, e perfettamente coscienti dei problemi reali di un territorio e della validità delle soluzioni offerte a breve e lungo termine;
3. la democrazia attuale – che io chiamo la criminocrazia, dove le banche, certe industrie e lobby internazionali dei produttori e mercanti d'armi ad esempio manipolano l'intera politica di un paese creando o dominando le ideologie e partiti locali fantoccio, trattasi dunque di una tipologia di falso governo, truccato, dove non più esseri umani ma gli schiavi vengono “guidati” o comandati e costretti da uomini irrazionali e squilibrati, o malati mentali, a “scegliere” tra opzioni sbagliate il cosiddetto “male minore” che ugualmente andrà sempre e comunque a favore dei Padroni e loro servi politicanti e mass media occupati. In effetti i governi si stanno preparando al controllo totale e la censura dei canali di informazione che osano diffondere le notizie vere oppure scomode le quali potrebbero mettere in dubbio il loro potere, partendo però da quelli tradizionali perché più influenti. Questa forma di demo-crimino-crazia a mio avviso sarebbe la diretta conseguenza e il prodotto della precedente forma di demo-medio-crazia che ha mostrato chiaramente e in modo inequivocabile i suoi limiti e l'inadeguatezza per risolvere i grandi problemi dell'Umanità.

Ma, a proposito delle forme di governo – le più adatte all'Uomo moderno, forse è venuto il momento per domandarci SE realmente abbiamo bisogno di loro, del potere e dei governi…

“IL POTERE E' SEMPRE CATTIVO”.

[color=#07E]Dopo il “V-Day” di Beppe Grillo i Raeliani propongono l’ “I-Day” (Intelligence Day)[/color]
(Categoria: INSEGNAMENTI)
Inviato da ETtore
Mon 24 Sep 2007 – 16:18:58

I Raeliani italiani hanno seguito con immenso piacere il clamoroso successo ottenuto dal “V-Day” (il Vaffanculo Day – http://www.v-day.it) di Beppe Grillo e le forti reazioni politiche che ha suscitato. Questi avvenimenti hanno messo perfettamente in evidenza l’urgente necessità di rimodellare la nostra classe politica, proprio come Rael aveva annunciato e sottolineato in uno dei suoi primi libri dal titolo “La Geniocrazia”.

“L’eccezionale successo ottenuto dal comico genovese dimostra che molti Italiani ne hanno abbastanza della classe politica. Indipendentemente dal loro schieramento, i nostri politici manifestano una palese incapacità nel trovare soluzioni efficaci ed originali ai gravi problemi che investono la nostra società” afferma Marco Franceschini, responsabile nazionale per l’Italia del Movimento Raeliano. “Che si tratti di migliorare la viabilità nelle nostre città o di risolvere le crisi internazionali, i loro limiti e la loro incompetenza sono sotto gli occhi di tutti. Se governare significa prevedere, i gravi problemi irrisolti di oggi sono la dimostrazione che i politici non hanno saputo prevedere nulla e che sono quindi incapaci di governare”.

Da oltre 30 anni, Rael – fondatore e leader spirituale del Movimento Raeliano, http://www.rael.org – sostiene la necessità di porre l’intelligenza ed il genio umano a capo di qualsiasi governo, sia a livello locale che mondiale. “Gli innumerevoli problemi cui ci troviamo a far fronte oggi sono la dimostrazione che i nostri governanti attuali, i politici, non sono le persone giuste al posto giusto. Governare è un compito che dovrebbe spettare soltanto a coloro che sono lungimiranti, che hanno una visione d’insieme e che hanno l’intelligenza per fare tutto questo: i geni e gli scienziati”. In una recente conferenza egli ha lanciato una sfida a tutti i candidati alle elezioni chiedendo loro che, come primo atto di buona volontà, accettino di sottoporsi ad una scansione del cervello, dato che è oggi possibile individuare tutte le più importanti malattie mentali, le tendenze violente e gli abusi di droga grazie ad una semplice scansione MRI.

Marco Franceschini aggiunge: “I Raeliani sostengono pienamente Beppe Grillo perché non abbiamo più bisogno di politici che mentono e si svendono in nome di compromessi. Quello di cui abbiamo bisogno è un paese guidato dagli individui più intelligenti che hanno a cuore il benessere degli esseri umani”.

“È d’altronde facile constatare come coloro che hanno sempre permesso alla nostra società di progredire, siano stati proprio gli inventori e gli scienziati, che in ogni epoca hanno messo a frutto il dono del loro intelletto per rendere la nostra vita più lunga, più salutare, più facile e più felice. Occorre quindi che scienziati e sapienti di tutte le discipline si riuniscano con urgenza in un partito politico ed utilizzino il potere che verrà loro concesso democraticamente per mettere il proprio genio al servizio dell’intera popolazione”.

Ecco perché dopo il V-Day, i Raeliani italiani desiderano istituire l’ I-Day, una giornata che vuole celebrare l’intelligenza come la risorsa più importante a disposizione dell’Umanità per la risoluzione di tutti i suoi problemi, finanche per la sua stessa sopravvivenza.

Questa news proviene da Raelianews ( http://it.raelianews.org/news.php?extend.118 )

NESSUN BISOGNO DI GOVERNI, IL FUTURO DELL'UMANITA' E' LA COOPERAZIONE

News: [color=#07E]Nessun bisogno di governi, il futuro dell’umanità è la cooperazione[/color]
(Categoria: INSEGNAMENTI)
Inviato da Davide
Tue 15 Mar 2011 – 14:52:35

“Questo pianeta è malato, le nazioni si trattano male a vicenda e i governi trattano male la gente, ed è così un po’ dappertutto,” ha detto Rael in un discorso di domenica 20 febbraio.
“Questo è il motivo per cui così tante nazioni sono in rivolta: prima Tunisia ed Egitto, adesso Bahrain e Yemen. Ci sono rivolte ovunque. Le persone sono stufe dei loro governi e fanno la rivoluzione.”

Ma questo non è abbastanza, ha aggiunto.

“Queste sono solo piccole rivoluzioni perché non fanno altro che sostituire gli attuali governi con dei nuovi governi,” ha spiegato. “Quelli nuovi saranno uguali, perché il potere è sempre cattivo. Quello di cui abbiamo bisogno è una società libera. Questo è il futuro dell’umanità.”

Rael ha detto che, secondo i Messaggi che gli sono stati dati dall’avanzata civiltà che ci ha creato, gli Elohim, per guidare il loro pianeta utilizzano un sistema chiamato geniocrazia, ed ha aggiunto che i propri sforzi per condividere questa importante conoscenza hanno però incontrato scetticismo, se non addirittura disapprovazione qui da noi.

“Quando la gente ne sente parlare, di solito pensa che la geniocrazia sia un sistema politico in cui i geni hanno potere sugli altri,” ha spiegato. Ma questa interpretazione è totalmente stupida; non esiste potere sul pianeta degli Elohim. Nessuno ha potere lì. Gli Elohim hanno eletto dei geni come loro leader, e questi geni guidano tutti.”

La loro guida è speciale ed è volta al bene di tutti, ha detto Rael.

“Guidano come fanno tutte le buone guide – come Buddha o le guide spirituali,” ha spiegato. “Ad esempio, io non ho potere su di voi. Non voglio potere; nessun Buddha vuole avere potere. Io vi sto solo guidando, vi mostro la via. Ed è così che avviene anche sul pianeta degli Elohim. Il sistema geniocratico è organizzato in modo tale che i leader mostrano la strada. Dicono alla gente: ‘Questo è quello che dovremmo fare, se siete tutti d’accordo dovremmo fare così’”

Poi ha fatto un esempio.

“Attualmente sulla Terra esiste un grande problema d’inquinamento legato al petrolio. Eppure ci sono tanti modi per far funzionare le automobili: elettriche o persino ad acqua. In Giappone il mese scorso è stata costruita una nuova automobile che va ad acqua. In un caso simile, un governo geniocratico direbbe alla gente: ‘Questa è una buona idea, allora facciamo per tutti automobili elettriche o alimentate ad acqua!’”

Questo non significa esercitare potere, ha precisato Rael.

“Si tratta soltanto di fornire delle idee, e tutti accettano,” ha detto. “Questo è il futuro: un mondo governato dalla gente. Non ci sarà più bisogno di governi, quindi non ce ne saranno. La gente la definisce anarchia, pensando che senza governo e potere ci sarebbe un completo caos, con tutto sotto sopra. Non è vero!”

Per dimostrare che questo modo di pensare è falso, Rael ha portato ad esempio la struttura sociale delle formiche.

“Tutti dicono che una popolazione di formiche ha una regina,” ha detto. “Ma non dovremmo chiamare quella formica una regina. Una regina è un individuo come la regina d’Inghilterra, che dice: ‘Fate questo, fate quello.’ La formica regina produce soltanto centinaia di uova ogni giorno, e questo è tutto. E’ solo una vagina che produce centinaia di figli ogni giorno. Non è una regina, perché non ha potere.”

Ha aggiunto che, nonostante le colonie di formiche non abbiano dei governi, tutto funziona perfettamente.

“Nell’organizzazione sociale delle formiche, ogni formica lavora per il bene di tutti,” ha detto. “Ogni formica sa cos’è il meglio per tutti. Nella società delle formiche, non esiste polizia o esercito.
La gente dice: ‘Ma cosa succede se qualcuno si comporta in modo cattivo?’ Nessuno è cattivo. Quando non c’è potere, quando non c’è polizia e non ci sono leggi, entra in gioco la legge naturale e tutti vogliono essere buoni per tutti gli altri. Nessuno può dire che questo sistema non funzioni. Osservate le formiche. Funziona!”

Rael ha poi detto che le colonie di formiche, di api e di vespe non hanno un vero re o regina e non hanno leggi. Ogni individuo lavora per il bene di tutti, e questo avviene senza alcun governo.

“E chi è più intelligente delle formiche e delle api da miele?” ha chiesto. “Noi! Noi siamo molto più intelligenti. Allora perché ci devono servire governi, poteri e polizia?”

Secondo Rael, non abbiamo davvero bisogno di queste cose. Quelli che le hanno vogliono però conservarle.

“Alcune persone hanno potere e denaro e ne vogliono di più,” ha spiegato. “Vogliono che tutti gli altri siano schiavi: lavorare, pagare le tasse, obbedire senza avere libertà. Questo è ciò che vogliono. Ma per sé vogliono libertà, denaro e potere. Vogliono tutto e lo ottengono tramite la corruzione. E questo è vero un po’ ovunque. La vera rivoluzione a venire sarà quindi quella che non sostituirà un governo con un altro, ma quella che distruggerà ogni forma di governo.”

In futuro, l’Umanità non avrà bisogno di alcun governo, ha sottolineato.

“Geniocrazia, sì” ha detto. “E’ bene che esista un gruppo di geni, di persone intelligenti, che riflettano insieme su che tipo di futuro possa avere l’umanità e che presentino idee che la gente possa accettare o meno. Ma nessun potere, perché il potere distrugge la libertà, crea violenza, povertà, fame.”

Ha detto che l’intera umanità è come un grosso formicaio, perciò tutti dovrebbero lavorare per tutti gli altri.

“Se ci amiamo reciprocamente e facciamo il meglio per gli altri, allora non ci servono leggi,” ha spiegato. Non abbiamo bisogno di leggi. Non c’è bisogno di una legge che dica ‘non devi uccidere nessuno.’

“Chi vuole uccidere qualcun’altro?” ha chiesto.
“Solo le persone malate lo fanno. Esse hanno bisogno di un ospedale più che di una prigione; hanno bisogno di essere curate perché sono malate. Le persone che vogliono uccidere altre persone sono malate; è un fatto medico. Infatti, sempre più dottori e scienziati concordano sul fatto che esista un problema all’interno del cervello delle persone violente. E questa violenza viene generata dalla società così com’è strutturata oggi.”

Rael ha detto che sono la società, i governi e le leggi a rendere malate le persone, che poi uccidono altre persone.

“E i governi dicono, ‘Vedete? Avete bisogno di noi, avete bisogno di leggi’. Ma ciò è completamente sbagliato. Senza più governo, niente più pressione sociale, niente più polizia e solo la legge naturale. Chi vorrebbe più uccidere qualcuno? C’è qualcuno qui che desidera uccidere qualcun’altro? Io non conosco nessuno che vuole uccidere qualcun’altro, tranne delle persone malate. Allora non ci serve una legge che dica, ‘Non devi uccidere.’ Se non esistesse legge che dice, ‘Non devi uccidere,’ voi uccidereste qualcuno? No, nessuno vuole uccidere. Ma dicono, ‘Avete bisogno di una legge che vi protegga.’ Ricordate, non esiste una legge nel formicaio che dice, ‘Non devi uccidere.’ Eppure le formiche non si uccidono mai a vicenda. E quando una formica porta del cibo nel formicaio, tutte le altre formiche vanno ad aiutare.
La cooperazione è il futuro dell’umanità. Tutti opereranno per il bene di tutti, e questo senza i terribili veleni che opprimono l’umanità: i governi, la polizia e le leggi.”

Rael ha detto che, quando l’umanità avrà distrutto governi, polizia e leggi, questo pianeta diverrà un vero paradiso.

“Allora verrà instaurato il Paradismo,” ha detto. “E con il Paradismo non ci sarà più denaro, in modo naturale. Il denaro è il frutto di potere e governo. Avete dei soldi nelle vostre tasche? Chi fabbrica il denaro? I governi lo fabbricano, e lo usano per avere potere su di voi. Prendete una banconota, non importa se è uno Yen giapponese, un Dollaro o un Euro. Che cos’è? É oro? É argento? No, è soltanto un pezzo di carta. Con questi pezzi di carta nelle vostre tasche, potreste dire, ‘Wow, guarda, sono molto ricco.’ Ma aspettate un momento; è solo carta!
“Sì, ma c’è scritto sopra ‘un milione di dollari’, dite voi. Ma io dico, ‘Quel pezzo di carta vale un milione di dollari perché questo è quello che c’è scritto sopra? No. Perché chi ce l’ha scritto? Il governo! E il valore dei vostri soldi si basa soltantoo sulle bugie del governo! Mettete tutto il vostro denaro in una scatola e quanto vale? Vale solo il peso della carta, che è quasi nullo! Forse credete ancora nel denaro, ma in futuro prossimo tutti porteranno i loro soldi nelle pubbliche piazze e li bruceranno. Il denaro non ci serve se tutti lavorano per il bene di tutti gli altri e se tutti si aiutano reciprocamente. Il futuro della società è un futuro senza denaro, perché il denaro è soltanto un veleno che vi è somministrato dal vostro governo.”

Per concludere, Rael ha spiegato cosa significa essere Raeliani.

“Essere Raeliani significa non soltanto essere Messaggeri dell’Infinito, Messaggeri degli Elohim, ma anche essere fra le persone più rivoluzionarie della Terra,” ha detto. “Questo è ciò che siete. Parlare d’amore come fa un monaco Buddista dicendo 'Om' non è amore. L’amore è cambiare la società in modo che tutti abbiano cibo e sicurezza, in modo che più nessuno muoia di fame. Questo è il nostro pianeta, il nostro mondo, ed essere Raeliani significa cambiarlo per un futuro migliore. Ecco perché gli Elohim hanno bisogno di voi. Ci hanno dato un Messaggio non solo per spiegare da dove veniamo e perché siamo qui, ma anche per spiegare che bel paradiso possiamo creare su questo pianeta se mettiamo in pratica i loro insegnamenti, che sono: Distruggete ogni potere; distruggete tutti i governi; distruggete il denaro; e create un pianeta unificato. Ecco perché gli Elohim hanno bisogno di voi!”

Questa news proviene da Raelianews ( http://it.raelianews.org/news.php?extend.330 )