Rispondi a: Nel nome di internet

Home Forum L’AGORÀ Nel nome di internet Rispondi a: Nel nome di internet

#136898
InneresAuge
InneresAuge
Partecipante

[quote1301627135=PRHOTEUS]
caro inneres , é questo il problema anzi da molto tempo a questa parte ci siamo basati che
“sarà il tempo a decidere” , per tutto cio che ci circonda, per tutto cio che ci accade ogni giorno, e come se dire:
( uno viene condannato a 20 anni di prigione, poi se effettivamente era innocente col tempo si verificherà, intanto per il momento va in prigione ). Oramai lasciamo tutto al tempo, sto povero cristo passerà 20 anni della sua vita in prigione e se poi risulterà innocente chi lo ripagherà dei suoi migliori anni persi? [/quote1301627135]

Ma non mi riferivo al suo carcere, che è un evidente montatura… Mi riferivo a chi pensa che sia anche lui uno strumento di non so quale fazione… Io gli lascio il beneficio del dubbio, potrebbe essere davvero un perseguitato…

[quote1301627135=PRHOTEUS]Ma ci rendiamo conto, ci hanno fatto credere di essere liberi, invece siamo più schiavi di prima, ci hanno inventato la democrazia per infliggerci le loro leggi, ci hanno inculato e noi ancora qui a porgere il nostro sedere , ma basta , ci fanno le messe in scena di proteggere i popoli lanciandogli bombe sulla testa , e noi qui ancora a credere che se son rose fioriranno, fin quanto la gente la pensa cosi non si andrà mai avanti. possiamo fare mille discorsi ma se non ci riprendiamo quello che ci é stato tolto resteremo sempre sottomessi a chi ci fa le leggi per suo tornaconto , e li in Italia se ne ha una dimostrazione plausibile oggi come nel passato, ma la gente la si corrompe facilmente, ognuno per il suo benessere é disposto a tutto, tranne che a sacrificarsi per gli altri.
[/quote1301627135]

La democrazia di per se non vuol dire nulla… Tra corruzione, affarismo e populismo poi, perde qualunque significato positivo possibile.


Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
- Franco Battiato