Rispondi a: RAI-SANTORO: servizio pubblico?

Home Forum L’AGORÀ RAI-SANTORO: servizio pubblico? Rispondi a: RAI-SANTORO: servizio pubblico?

#137897
farfalla5
farfalla5
Partecipante

Santoro presenta i suoi 'Comizi d'amore'
lun set 12 14:46 di di Belardino su http://www.funweek.it
http://it.tv.yahoo.com/blog/televisione/article/30504/santoro-presenta-i-suoi-comizi-damore.html
La Rai censura il matrimonio gay di 'Un ciclone in convento'
La prova del cuoco, Anna Moroni attacca la Parodi e Borghese
Michele Santoro torna in tv, anche se non sappiamo ancora bene su quale rete. Non si tratta di un errore, ma del progetto voluto dal giornalista salernitano, che ha presentato il suo 'Comizi d'amore' in una conferenza stampa alla Versiliana l'11 settembre.

Rai e Mediaset neanche a parlarne, con La7 non si è giunti all'accordo, Sky è ancora in dubbio: in questo clima di incertezze, Santoro ha deciso che 'Comizi d'amore' andrà in onda su un circuito di piccole emittenti locali che coprono tutto il territorio nazionale, e soprattutto sul web. Il giornalista ha spiegato ai colleghi che sono previste 25 puntate, ma che tutto dipenderà dai contributi dei telespettatori. La vera novità è infatti costituita dall'associazione no-profit 'Servizio pubblico', alla quale chi vuole sostenere la trasmissione potrà associarsi a un costo di 10 euro.

Il costo del programma (secondo Santoro 250mila euro a puntata) non graverà però interamente sulle contribuzioni volontarie, ma anche sui fondi dei partner e sulla pubblicità. Quando ancora il programma sembrava doversi chiamare 'Senza Rete', l'informatissimo Dagospia aveva già anticipato che la concessionaria pubblicitaria Publishare aveva radunato 18 tv locali, (tra cui Telenorba in Puglia, Primocanale in Liguria, Umbria tv, Telelombardia, Antenna3, Telefriuli, Telecapri, Antenne Sicilia e Videolina), e che il progetto di Santoro era realizzare un prodotto 'chiavi-in-mano', completo di pubblicità, che le emittenti avrebbero soltanto dovuto acquistare.

La conferenza stampa ha dunque sciolto alcuni dubbi ma ne ha creati altri. Ancora incerto il giorno della messa in onda (forse giovedì), mentre sembra sicuro l'intervento di ospiti come Adriano Celentano, Sabina Guzzanti e Daniele Luttazzi. Mistero anche sul contenuto del programma: talk show o docu-fiction? Solo la partenza del programma, prevista per fine ottobre, chiarirà le ultime incertezze.

Nel frattempo, il tam-tam mediatico è partito e c'è molta curiosità intorno al progetto Santoro: certamente l'intento è quello di proporsi come alternativa indipendente in una panorama televisivo storicamente dominato dal duopolio Rai-Mediaset. I cittadini lo seguiranno? (Articolo di Francesca Di Belardino)


IL PARADOSSO DELLA NOSTRA ERA: "Abbiamo case più grandi e famiglie più piccole; Piu comodità, ma meno tempo; Piu esperti, ma piu problemi; Piu medicine, ma meno salute;
E’ un tempo in cui ci sono tante cose in vetrina e niente in magazzino.
Parliamo troppo, amiamo troppo poco e odiamo troppo spesso.