Rispondi a: Lotta contro il bombardamento pubblicitario ai bambini

Home Forum L’AGORA Lotta contro il bombardamento pubblicitario ai bambini Rispondi a: Lotta contro il bombardamento pubblicitario ai bambini

#138495

Anonimo

[quote1317888255=Pier72Mars]
no, questa non l'ho capita, me la spieghi?
Diciamo che fa pessimi documentari o programmi educativi perchè lì non investono, il problema è anche nostro, quanta gente pensi decida di vedere un bel documentario invece che Maria Filippo?
Un bambino è indifeso e non ha ancora coscienza e conoscienza per capirlo, però un adulto………
DIpende da noi adulti, anche se non solo purtroppo…….
L'ignoranza dilaga, se entro in un bar e vedo 4 rincoglioniti seduti a sbavare dietro un reality oppure accanirsi per 11 imbecilli che inseguono il pallone non posso farci nulla, che gli vado a spiegare che è così che ci vogliono, che è così che vogliono che crescano i ns figli?
La società è marcia, il commercio peggio, non a caso dicono che la pubblicità è l'anima del commercio, quindi dilaga il marcio per tenerci ignoranti.
SVEGLIAMOCI per i ns figli
[/quote1317888255]
“Secondo me la teleVisione fa programmi, documentari, telegiornali e pubblicità di pessima qualità (morale e spirituale) “apposta”, forse inconsciamente, per costringere la popolazione a spegnere la TV.”

Ci provo. Non “credo” nell'anima immateriale tuttavia “credo” nella Coscienza, quella coscienza presente in tutti gli esseri umani senza distinzione alcuna in egual misura sia nei “buoni” che nei “cattivi”, giusti (sani) e delinquenti (malati nella mente), quella coscienza che non può essere zittita da nessuno, ed è quella coscienza che ha permesso all'Umanità di sopravvivere fino ad oggi nonostante le guerre mondiali, epidemie, stupidità legalizzata e pazzia collettiva. La suddetta (coscienza) pur non essendo una qualche entità mistico- autonoma essa comunque segue delle regole molto precise dette altrimenti Legge Universale (Equilibrio), dunque indipendentemente dalla Volontà dell'uomo che cerca di dominarla e possederla, invece di ascoltarla, riesce ad “imporsi” attraverso l'inConscio dove e quando gli uomini ossia una civiltà nel suo insieme per pigrizia o superficialità tende a compiere quegli atti che potrebbero portarla a lungo termine (ma non solo) verso l'autodistruzione, o almeno verso una progressiva e forse irreversibile degenerazione mentale, spirituale e genetica dei soggetti che la compongono. Ecco quindi che la coscienza di un criminale di turno – che sia l'industriale o politicante che fabbrica o autorizza quello scempio che si vede nella TV (che non possiedo ma so quanto vi accade) pubblica e privata – potrebbe voler trovare uno stratagemma per distruggere l'attuale sistema mediatico, una strategia che colpisce il nemico non dall'alto e dall'esterno ma dal basso e dall'interno. Qual'è il miglior modo per eliminare una ingiustizia se questa non viene percepita come tale dalla gente comune – e quando nello stesso tempo questa viene sostenuta dal regime, come se fosse una cosa assolutamente naturale? Rendendola ogni giorno sempre più terribile, ridicola, assurda, folle; allora la popolazione potrebbe comprendere di aver sottoscritto il patto col 'demonio' (simbolicamente) il giorno quando ha comprato il televisore (e tanti altri simpatici oggettini tecnologici moderni simili et equivalenti).
Soltanto i programmi TV estremamente negativi potrebbero far sorgere nella mente dei cd teleSpettatori la necessaria (quanto ultimamente assente) domanda: “ma cosa stiamo facendo? Perché consultiamo quotidianamente l'Errore degli Errori, l'idolo supremo, la Bestia animata coperta da Nomi blasfemi, braccio destro dei Servizi e Megafono della Babilonia la Grande?” Più si scende giù, nella qualità e più probabilità ci sono che la gente si stufi di codeste bugie del potere, dei modelli sbagliati concepiti appunto per disorientare, confondere i Bambini. Protestare, attendere e sperare che quel settore del bu$ine$$ globale venga regolamentato può produrre come può non produrre i risultati desiderati ma sarà sempre una finzione, non-soluzione perché è il cittadino che, Volontariamente, dovrebbe prendere coscienza interiormente della situazione (tragica) nei mass media italiani ed esteri, la verità o la realtà non dev'esserci portata su un piatto d'argento da ipocriti al governo, ogni popolo ha la teleVisione che si merita. E' facile lamentarsi quando le ingiustizie toccano noi personalmente ma il giusto è farlo quando le ingiustizie toccano soprattutto altri Umani. L'inconscio dei magnati dell'intrattenimento potrebbe spingerli a progettare l'immondizia inguardabile logicamente approvata da chi ci guadagna, ma rifiutata dal cosiddetto “utilizzatore finale”. Ed è in questa maniera che il sistema potrà cadere, in mancanza di domanda la produzione delle oscenità mentali andrà finalmente in pensione. Immeritata.