Rispondi a: Movimento 5 Stelle

Home Forum L’AGORA Movimento 5 Stelle Rispondi a: Movimento 5 Stelle

#140108

Anonimo

http://www.repubblica.it/politica/2013/07/17/news/finanziamento_mozione_maggioranza-63182516/?ref=HREC1-6

Finanziamento, bocciate mozioni M5S e Sel.
“No a blocco rimborsi elettorali di luglio”
Alla Camera non passa la proposta dei Cinque Stelle sulla sospensione della tranche di luglio. Proteste dei deputati in Aula e all'esterno. Grillo: “Si tengono i soldi”. Approvato il provvedimento comune di Pd, Pdl e Sc che conferma il ddl del governo. La Lega vota con i grillini

OMA – La Camera ha bocciato la mozione del Movimento 5 stelle per sospendere la rata di luglio dei rimborsi elettorali ai partiti. A favore del testo hanno votato i soli deputati grillini e quelli della Lega. Respinta anche la mozione di Sel, che chiedeva l'istituzione di una commissione di studio per analizzare il tema. La maggioranza si è presentata, invece, compatta, depositando un testo unitario sul finanziamento volontario, che è stato approvato.

SOLDI FINTI PER PROTESTA – Dopo il risultato i deputati del Movimento 5 Stelle hanno lasciato per protesta l'Aula, senza attendere il voto sulle altre mozioni. Nel passare davanti ai banchi del governo, hanno depositano su di essi delle finte banconote da 500 euro. La protesta si è poi trasformata in un sit-in all'esterno di Montecitorio.

“Questi partiti, ladri a norma di legge, si stanno mettendo oggi fuori dalla Storia. Dureranno ancora poco, poi spariranno “- ha detto in piazza Roberto Fico, presidente della Commissione di Vigilanza Rai. Laconico il commento di Beppe Grillo: “I partiti si tengono i soldi: 91.354.339 Euro”.

MAGGIORANZA COMPATTA – Pd, Pdl e Scelta civica si sono adeguati, di fatto, alla linea indicata dal governo nel disegno di legge sui fondi dei partiti, con il passaggio dai rimborsi elettori al finanziamento indiretto dai cittadini, su base volontaria e con agevolazioni fiscali.

Proposta che però non ha raccolto l'adesione del M5S, dopo una sospensione dei lavori (la Lega, invece, si è astenuta). “C'è stata una discussione e ovviamente, anzi purtroppo, non abbiamo trovato un punto d'accordo e quindi andiamo avanti con la nostra mozione”, ha detto Emanuele Cozzolino.

'L'approvazione della mozione segna una vera e propria svolta fra l'iniziativa del governo e quella parlamentare”, ha detto il vicepresidente del gruppo Pd della Camera Andrea Martella. Esultano i renziani: “Dopo una battaglia che portiamo avanti da tempo, con la mozione che abbiamo approvato oggi si segna un punto di non ritorno”, commenta Simona Bonafè.

Il testo contiene anche un impegno sui tempi, in modo che dal 26 luglio il provvedimento sia discusso in Aula e approvato. Secondo fonti parlamentari, la mozione avrebbe raccolto un ampio sostegno e anche i renziani avrebbero dato il loro via libera.

Dal Pd arriva anche un emendamento al ddl del governo, presentato i che prevede di “estendere ai dipendenti dei partiti la cassa integrazione straordinaria e i contratti di solidarietà, con una copertura di 18 milioni di euro per gli anni 2014 e 2015”.