Rispondi a: Movimento 5 Stelle

Home Forum L’AGORÀ Movimento 5 Stelle Rispondi a: Movimento 5 Stelle

#140197
InneresAuge
InneresAuge
Partecipante

Richard uno stato che paga forti interessi, non può che distruggere lo stato sociale… se vuol perseguire il pareggio di bilancio. Ed è questo il loro scopo politico.
Tornare ad un economia che si accentra sempre più nelle mani di pochi, spinta quasi naturale del capitalismo non “regolato”. Un feudalesimo moderno.
A meno che conoscete qualche paese disposto a versare la differenza OGNI ANNO…
Purtroppo, i spaghetti liberisti che tanto inondano la politica mainstream, vedono le cose in modo riduttivo e selettivo (c'è ovviamente un interesse dietro).
Eppure basterebbe cercare di guardare l'economia nel macro e non nel particolare, e allora il disegno apparirebbe più chiaro.
Parlano di un economia supply side, ovvero di un offerta che si venda da sola: peccato che la domanda non è infinita, tutt'altro e non la trovi sull'albero, quindi ci sono degli equilibri da rispettare, e se li rompi… beh all'inizio hai un vantaggio economico, poi le altre aziende ti copiano e alla fine tutti chiudono perché riducendo verso zero il salario… nessuno ha più i soldi per acquistare i loro prodotti (fuuurbi!).

Idem è successo con l'Euro.

Persino Ford diceva:
“Non è il datore di lavoro che paga gli stipendi. I datori di lavoro gestiscono solo i soldi. È il cliente che paga gli stipendi”.
C'è una regola per l'industriale, e cioè: rendere possibile la migliore qualità delle merci alla possibile più basso costo, pagando il più alto possibile di salari.
“Voglio che i miei operai siano pagati bene da poter comprare le mie automobili”
.

Tutti contenti di acquistare meno, magari prodotti importati dall'est o dalla Germania… meno contenti quando si scopre che si viene licenziati per lo stesso motivo…
Ogni cosa in economia ha un “altra faccia” della medaglia, poco pubblicizzata dai supply economist alla Bocconi (miopi è dire poco…)

Apriamo gli occhi per favore, e cerchiamo di guardare la cosa da una distanza maggiore: talvolta immersi nel particolare, ci si perde il resto… gli eccessi quasi sempre portano a disastri.

Anche il m5s è avvolto un po' da questa ideologia: guarda lo spreco “Fiorito” e si ferma li. Non vede la dimensione temporale di quei soldi, come se finissero in un buco nero invisibile, scomparendo dall'economia reale…
Peccato che invece, basterebbe aspettare qualche minuto in più, dallo spreco ingiusto, per scoprire che questi soldi stanno cominciando a tornare allo Stato, e ad altri cittadini privati che vendono il loro lavoro attraverso prodotti e servizi.
La matematica e l'economia, non hanno una morale … e guardando l'economia da un punto di vista moralista, se ne distorce completamente la realtà.
Gli sprechi vanno combattuti per altri motivi, non quelli svenduti come strettamente economici, ma per la lotta alla sperequazione, disuguaglianza e qualità dei servizi.

Il pareggio di Bilancio, come il MES, accentuano la distruzione dell'uguaglianza, distruggono la qualità del nostro futuro, spostando denaro da un altra parte e marginalizzando lo Stato.
Non illudetevi, quando scompare lo Stato brutto e cattivo, [u]diventano egemoni altri poteri che non prevedono nemmeno le elezioni[/u]… (quello che sta già accadendo con le multinazionali, i grandi gruppi finanziari, etc).

La politica e la democrazia hanno abdicato.

p.s. Il rapporto debito/pil 60% non è solo totalmente arbitrario, è anti-scientifico. L'ultima bufala sul punto di non ritorno del 90% è stata smontata da un ragazzo del MIT che ha scoperto “orrori” nel foglio di calcolo excel usato dai due pseudo economisti, fautori del suddetto limite arbitrario. Idea precedentemente molto sostenuta dall'establishment, che è sempre a caccia di nuove teorie per dimostrare “il suo vantaggio” ed attuarlo politicamente.

Il debito pubblico, in un paese a sovranità monetaria, è solo una partita di giro tra lo Stato e i cittadini privati. Attraverso le tasse e l'erogazione dei servizi pubblici, lo Stato agisce come con due pedali, freno e acceleratore. Un uso eccessivo del freno come dell'acceleratore, porta ad una fine disastrosa e rovinosa.


Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
- Franco Battiato