Rispondi a: SIAMO TUTTI DI TUTTO E IL SUO CONTRARIO ?

Home Forum L’AGORÀ SIAMO TUTTI DI TUTTO E IL SUO CONTRARIO ? Rispondi a: SIAMO TUTTI DI TUTTO E IL SUO CONTRARIO ?

#140587

Anonimo

[quote1327560025=giovanni]
VENIAMO TUTTI DA CASA.
SIAMO TUTTI STRANIERI
SIAMO TUTTI SPAESATI
SIAMO TUTTI ERRANTI
SIAMO TUTTI EMIGRANTI
SIAMO TUTTI ORFANI MOMENTANEI
SIAMO TUTTI FIGLI DI DIO
SIAMO TUTTI L’UNO PER L’ALTRO
SIAMO TUTTI L’UNO CONTRO L’ALTRO
SIAMO TUTTI EGOISTI
SIAMO TUTTI ALTRUISTI
SIAMO TUTTI LADRI
SIAMO TUTTI ONESTI
SIAMO TUTTI INGIUSTI
SIAMO TUTTI GIUSTI
SIAMO TUTTI IGNORANTI
SIAMO TUTTI SAPIENTI
SIAMO TUTTI ASSASSINI
SIAMO TUTTI SALVATORI
SIAMO TUTTI MERIDIONALI
SIAMO TUTTI SETTENTRIONALE
SIAMO TUTTI NEL VENTRE DEL MALE
SIAMO TUTTI NEL CUORE DEL BENE
SIAMO TUTTI OGGETTO
SIAMO TUTTI SOGGETTO
SIAMO TUTTI NIENTE
SIAMO TUTTI TUTTO
SIAMO TUTTI CORPO
SIAMO TUTTI PENSIERO
SIAMO TUTTI CUORE
SIAMO TUTTI ANIMA
SIAMO TUTTI SPIRITO
SIAMO TUTTI DEMONI
SIAMO TUTTI ANGELI
SIAMO TUTTI DANNATI
SIAMO TUTTI SANTI
SIAMO TUTTI BURATTINI DEI BURATTINAI
SIAMO TUTTI INCOLPEVOLI DELLE COLPE A NOI ASCRITTE
SIAMO TUTTI NELLA FALSITÀ
SIAMO TUTTI NELLA VERITÀ
SIAMO TUTTI PRIGIONIERI
SIAMO TUTTI LIBERI
TORNIAMO TUTTI A CASA.

[/quote1327560025]
Tutti gli uomini sono omicidi. Quanti poveri sono morti di fame perché non abbiamo condiviso con loro le nostre ricchezze materiali e spirituali? E chi lo ha fatto, poteva fare molto di più, quindi, nessuno è innocente! Quanti sono morti nelle guerre che “noi” (popolo) abbiamo provocato direttamente votando guerrafondai (sinistra, centro, destra – sono tutti uguali) o indirettamente non risolvendo i conflitti interiori e tra conoscenti? Quanti sono morti perché non hanno trovato il senso della vita in una società a misura del delinquente, eppure per quanto civilizzati “noi” non siamo stati capaci di Amarli fino al punto di aiutarli concretamente, semmai li abbiamo sfruttati, diventando burattinai.. Secondo me è sbagliato illudersi di essere migliori degli altri in quanto ciò ostacola ogni progresso spirituale, individuale e di conseguenza quello collettivo. Ognuno è ciò che è – tutto e niente, l'Uno con il Cielo e polvere, ed in quanto tale, consapevole di poter dare e ricevere essere maestro e allievo in ogni contesto. Importante è la libertà di pensiero, parola, azione o non azione, nessuno deve essere costretto a cambiare, o a migliorare.