Rispondi a: IL RITORNO DEL CRISTO. ( articolo pubblicato su stazioneceleste da Fabio Finucci )

Home Forum L’AGORA IL RITORNO DEL CRISTO. ( articolo pubblicato su stazioneceleste da Fabio Finucci ) Rispondi a: IL RITORNO DEL CRISTO. ( articolo pubblicato su stazioneceleste da Fabio Finucci )

#141233
InneresAuge
InneresAuge
Partecipante

[quote1334412089=prixi]personalmente mi sento pronta ad abbandonare questa esistenza in carne ed ossa … ma avverrà nel “giusto tempo”
e per l'umanità, ammesso che questo sia ciò che deve avvenire, ci sarà il giusto tempo anche per questo[/quote1334412089]

Ho sempre trovato bizzarra e incoerente la paura della morte da parte dei presunti “credenti”…
Ho sempre pensato che la fede Vera, che sono cosciente di non avere, dia consapevolezza dell'impermanenza di questa vita, e contemporaneamente la certezza che nulla finisce.
Giusto in questi giorni sto riascoltando Juri Camisasca, e pensavo a questa canzone, Il Viaggio degli Umani:

Non saremo soli alla fine
qualcosa cambierà
sono sempre stati imprevedibili gli umani.
E dimmi che cosa ne pensi tu
dei poeti e dei samaritani,
delle imprese dei nostri partigiani.

La trasmigrazione, il mutamento
non li può comprendere la mente
ma che si viva o che si muoia
esisteremo sempre.

Il viaggio degli umani
nasce da un seme di libertà,
in un corpo prendi forma
per vivere in questa realtà
e fuori dal tempo…

Quando arriva il vento dell'imbrunire
sono imprevedibili gli umani,
le donne nei fienili
bimbi e vecchi nei viaggi immaginali.
E che ne sarà dei cosmonauti
che se ne vanno contromano
per le vie del niente
nell'astinenza del calore umano.

La trasmigrazione, il mutamento
non li può comprendere la mente
ma che si viva o che si muoia
esisteremo sempre.

Il viaggio degli umani
nasce da un seme di libertà,
in un corpo prendi forma
per vivere in questa realtà
e fuori dal tempo…

Appena posso, carico il brano su youtube 🙂

Mannaggia, spero si sbagli… 😀 (parte sottolineata).


Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
- Franco Battiato