Rispondi a: condivido

Home Forum L’AGORA condivido Rispondi a: condivido

#141287
Richard
Richard
Amministratore del forum

è una domanda e discussione importante, che puo sembrare banale e non lo è, però il problema è l'ego, la coscienza immatura dell'uomo e non l'elettricità in sè che è parte fondamentale della natura, chiaramente, l'uomo distrugge anche senza elettrcitià quando non usa la coscienza in modo responsabile ..sicuramente dobbiamo rivedere a fondo l'uso che ne facciamo e il rapporto che abbiamo con tale “potere” e può essere anche utile, per chi ha l'elettricità dato che abbondano più quelli che non l'hanno, restare senza o doverne ridurre l'uso.
Credo che stiamo proprio in questo periodo rivalutando il nostro rapporto con l'elettricità, il modo di usarla e di produrla ecc..ma è un fenomeno della natura e l'uomo finirà sempre per riscoprirne l'uso..

http://it.wikipedia.org/wiki/Storia_dell%27elettricit%C3%A0
L'elettricità è una proprietà fondamentale della materia, diffusissima in natura, dove si manifesta spesso in modo molto evidente, come nei fulmini. Attraverso varie tappe l'uomo ha esplorato questa forma di energia e ha potuto sfruttarla.
I primi studi dei fenomeni risalgono probabilmente al filosofo greco Talete (600 a.C.), che studiò le proprietà elettriche dell'ambra, la resina fossile che se viene sfregata attrae altri pezzetti di materia: il suo nome greco era electron (ἤλεκτρον), e da questo termine deriva la parola «elettricità»…

Negli anni 1830 Faraday mise a punto il primo generatore elettromagnetico di corrente elettrica..

http://it.wikipedia.org/wiki/Michael_Faraday
Michael Faraday nacque a Newington Butts, vicino all'odierna Elephant and Castle, Inghilterra. La sua famiglia era estremamente povera; suo padre, James Faraday, era un fabbro che soffrì di salute cagionevole per tutta la vita; nel corso del tempo abbracciarono le credenze religiose dei sandemanisti[1]. Michael Faraday iniziò a lavorare a 13 anni come fattorino nella bottega di un libraio..

Gli studi per i quali Galvani è maggiormente ricordato riguardano la cosiddetta elettricità animale
http://it.wikipedia.org/wiki/Luigi_Galvani
Galvani ipotizzò quindi una relazione fra elettricità e vita, e decise di continuare a condurre esperimenti su rane, osservando il movimento dei muscoli in relazione alla carica elettrostatica con cui venivano toccati..