Rispondi a: allevatore

Home Forum L’AGORA allevatore Rispondi a: allevatore

#142500
sphinx
sphinx
Partecipante

[quote1350277315=prixi]
… stò seguendo la discussione

personalmente non ho ancora letto tutto il libro di Quinn …
ma da quello che scrivete mi sembra di capire che l'autore mette sullo stesso piano allevatori ed agricoltori (?)

e se ho interpretato bene, allora devo dissentire …
a mio avviso, parlando di realtà di autosufficenza famigliare, coltivare un orto, fare conserve di frutta e verdura per l'inverno, non può essere paragonato all'allevare per poi uccidere animali.
(non ne sarei capace nel modo più assoluto)
[/quote1350277315]

Quinn mette l'agricoltura e l'allevamento sullo stesso livello, definendoli contro Natura.
Non pone l'accento sul tormento che viene inflitto agli animali negli allevamenti, ma denuncia il fatto che entrambi tolgano all'ecosistema i naturali territori di approviggionamento. Quando destiniamo enormi quantità di territorio,per l'agricoltura/allevamento,stiamo sottraendo possibilità di caccia e di sostentamento a tutto il Sistema….senza contare che…chicca finale,mettiamo il cibo sottochiave,facendo scorte. Il che vuol dire tutto ciò che ne consegue…credo sia inutile elencare i disadtri che ne derivano.
Il protestare dicendo che lo abbiamo fatto per non morire di fame e perchè noi siamo più intelligenti di qualsiasi cosa la mondo, non regge… Sta di fatto che l'Ecosistema si sorregge benissimo da solo,se non fossimo arrivati noi a depauperarlo di tutte le sue ricchezze, ( abbiamo sottratto tutto dai minerali,al legname,agli animali, insozzando aria,acqua e terreno) mentre noi,quelli intelligenti, stiamo cadendo a testa in giù a supervelocità e pare senza capacità di frenata…

[quote1350277315=prixi]
… quello che però diventa complicato è mettere questa questione sulla “scelta personale” …
mi spiego meglio:
per chi nasce e cresce in una realtà di allevatori, viene considerata [u]normale[/u] questa pratica …
lo hanno sempre visto fare, dal nonno, dal padre …
è in qualche modo metabolizzato insieme a tutto il bagaglio educativo

considerarla da un punto di vista differente, mi rendo conto non sia poi cosi semplice
è un vero e proprio reset che si deve compiere

nel leggere le parole di Destino, ne esce che “ci tiene ai suoi animali, li nutre, li cura…” in qualche modo li “ama” …
[/quote1350277315]

be', decisamente un modo atipico di dimostrare il proprio amore.

[quote1350277315=prixi]

questo è il problema a mio parere:
scambiare la dedizione al lavoro, per un sentimento verso questi esseri

nutrire, curare, al solo scopo di tenerli in buona salute perchè siano ciccia sana, è un lavoro
… niente a che vedere con l'amore verso di loro

viene totalmente a mancare (per retaggio culturale) la considerazione dell'essere vivente come individuo di pari diritti
se fosse amore, non si riuscirebbe mai ad ucciderli … ne tanto meno a mangiarli

Scusami Destino per la durezza delle mie parole
non vuole essere un giudizio, e nulla, assolutamente nulla di personale

:amicil:

[/quote1350277315]

Io invece sono meno Angelica della nostra carissima Pri, e ti dico che la tua affermazione mi sembra un pelino….come dire….sconclusionata..
Mi ricorda la fiaba di Hansel e Gretel…dove c'era la strega che ingrassava i bambini chiusi in gabbia e li trattava con tutti i riguardi (gabbia a parte) e gli tastava i ditini per vedere se si erano ingrassati a dovere.
Però caro Destino,una cosa te la devo dire. Una cosa che mi è venuta subito in mente appena letto il tuo topic.
Come mai stai tirando in ballo questa faccenda?
Se è così naturale/familiare/normale/amorevole….perchè hai aperto un topic sull'argomento?
Per amor di discussione? Più che lecito.
Perchè i “conti” non ti tornano più? Ammirevole…e non sono ironica,ovviamente.
Ti auguro Pace nel cuore.