Rispondi a: allevatore

Home Forum L’AGORÀ allevatore Rispondi a: allevatore

#142558
InneresAuge
InneresAuge
Partecipante

[quote1350602799=sephir]
[quote1350579035=DESTINO]
lo so, certo c è da dire che la nostra “sensibilita” ci viene dal benessere,persone che nel dopo guerra anno patito la fame sentendo i miei discorsi mi bollano come : “”è voi giovani avete troppo…….un tempo magnare l agnello era una festa,tocca che torna la fame poi vedi come l ammazzi i polli!!”” che dirgli? pure loro anno raggione pure se i tempi sono cambiati
[/quote1350579035]

si destino, infatti [u]secondo te perchè la massa è meglio tenerla sotto torchio?[/u][/quote1350602799]

Bravissimo/a!!! :bravo: :bravo: :bravo: (perdonami non ricordo)
Non a caso… :

Fu nefasta e temibile l'età del tempo
Di profonda e irrimediabile povertà
Quando ancora non si distingueva l'aurora dal tramonto
Quando l'aria della prima origine mischiata a torbida
E instabile umidità al fuoco ed alla furia dei venti
Celava il cielo e gli astri
Come può la vista sopportare l'uccisione di esseri
Che vengono sgozzati e fatti a pezzi
Non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue
Le carni agli spiedi crude
E c'era come un suono di vacche
Non è mostruoso desiderare di cibarsi
Di un essere che ancora emette suoni
Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo

Grandissimo Plutarco.

[quote1350602799=sephir]perchè i periodi di ricchezza sono così rari (per lo meno nei cicli storici a noi svelati)
perchè creare ad hoc guerre e carestie?
Per tenerci il più possibile ancorati ai più bassi istinti, alla pura sopravvivenza, che “se ti scanno per vivere mica ti offendi!”…e il bello è che con il libero arbitrio che abbiamo possiamo sempre scegliere, nessun aguzzino può far nulla contro la nostra volontà. Le persone che ti hanno risposto purtroppo pensavano di non aver scelta, non sapevano e non potrebbero certo reggere il fatto di essere stati in torto mentre lottavano per sopravvivere… eppure per non morire ammazzavano a loro volta… suona stonato, anche se un giorno dovesse toccare a noi e cadessimo nello stesso tranello.

la libertà interiore viene raggiunta da pochi mentre ci si scanna in milioni per un tozzo di pane, e quindi, si, mangiare gli animali per disperazione non è sorprendente ma è nostro dovere, fin quando non ci tarperanno/tarperemo le ali, sfruttare la nostra posizione di benessere relativo e ragionare non con le parti basse ed egoistiche del nostro essere ma con il cuore e il raziocinio…

cioè seguire, informandosi e ascoltando, quella parte di noi che non vuole vedere il massacro che sta assecondando…[/quote1350602799]

La povertà può portare l'uomo a divenire peggio degli animali…
Se provate a seguire la serie Revolution (per ora sottotitolata in italiano),
ne è un esempio lampante!


Come può la vista sopportare, l'uccisione di esseri che vengono sgozzati e fatti a pezzi... non ripugna il gusto berne gli umori e il sangue, le carni agli spiedi crude... e c’era come un suono di vacche, non è mostruoso desiderare di cibarsi, di un essere che ancora emette suoni... Sopravvivono i riti di sarcofagia e cannibalismo.
- Franco Battiato