Rispondi a: Espermenti scienza non convenzionale

Home Forum L’AGORA Espermenti scienza non convenzionale Rispondi a: Espermenti scienza non convenzionale

#142875
Siberian Khatru
Siberian Khatru
Partecipante

🙂 farfi l'idea mi e' venuta adesso …cmq puntato in alto non fa freddo. Oggi qua e' stato terribile con le scie chimiche dalla mattina alla sera un continuo prevedo pioggia per i prossimi giorni di solito irroiano prima di pioggia neanche devo guardare il meteo ormai per sapere se piove.
Grazie richard poi leggo.
Ieri leggevo Pisti Sofia e un passo dice che e' l'anima che cerca. Cerca quello che un po' cerchiamo noi tutti un modo di uscire, di capire non so come spiegare e' che ce' di piu' a questo mondo di quello che ti viene messo davanti delle cose misurate.
Adesso voglio anche provare a bere acqua piu' sana e con una ventola da computer inserita in una bottiglia di plastica tagliata nel retro e davanti un tubicino una specie di mini compressore infilito il tubo nell' acqua e ossigenarla cosi'. Non so forse non serve a niente ma la mia anima mi dice di cercare e cerco e sperimeto queste cose sempre cose naturali. Ciao.
Cmq il ventilatore a me fa' bene forse ossigena l'aria, come dormire all'aperto e nessuna zanzara mi ha piu' beccato e qui ce ne stanno ancora.
L-importate e' che queste cose siano libere e accessibili a tutti non come sono nel mondo che brevettano e lo fanno solo per fare soldi l'anima cerca cose utili a tutti lo spirito di opposizzione invece lo fa' solo per il propio interesse.Le cose che vengono da Dio sono libere le cose vengono dall'ego da un guadagno personale non sono vere. Vedi keshe vedi E-Cat. Gesu' ha detto la verita' ma non gli hanno creduto.
Vi voglio bene perche' anche voi cercate e siamo anime simili.


« Con la modernità, in cui non smettiamo di accumulare, di aggiungere, di rilanciare, abbiamo disimparato che è la sottrazione a dare la forza, che dall’assenza nasce la potenza.
E per il fatto di non essere più capaci di affrontare la padronanza simbolica dell’assenza, oggi siamo immersi nell’illusione inversa, quella, disincantata, della proliferazione degli schermi e delle immagini »
Jean Baudrillard