Rispondi a: Transumanesimo in arrivo: l'uomo sarà immortale?

Home Forum L’AGORÀ Transumanesimo in arrivo: l'uomo sarà immortale? Rispondi a: Transumanesimo in arrivo: l'uomo sarà immortale?

#143923
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1398954632=Richard]
[quote1385632532=Richard]

http://translate.google.it/translate?sl=en&tl=it&js=n&prev=_t&hl=it&ie=UTF-8&eotf=1&u=http%3A%2F%2Fwww.physicstoday.org%2Fdaily_edition%2Fphysics_update%2Fbioelectricity_gets_a_leg_up

http://www.scientificamerican.com/article.cfm?id=bioelectric-code
L'elettricita è essenziale per la formazione e funzione degli organismi complessi..i canali e le pompe ioniche inviano particelle cariche lungo le membrane cellulari, quindi segnali tra le cellule e impostano i potenziali elettrici transmembrana (Vmem) che indicano il ruolo delle cellule.
Trattando chimicamente le cellule nella zona amputata per abbassarne il Vmem, i ricercatori hanno fatto ricrescere la zampa alla rana.
————

Il corpo umano è costituito da vibrazione elettronica, e ogni atomo e elemento del corpo, ogni suo organo e organismo ha la sua vibrazione elettronica o unità elettronica necessaria al mantenimento di quel particolare organismo e all’equilibrio in esso.
1800-4

Poiché molti individui che hanno avuto una distruzione del cervello potrebbero essere aiutati dall’elettricità e dalla musica ad una rianimazione di quelle cellule, di quelle forze atomiche che hanno bisogno della loro coercizione e della loro rigenerazione assorbendosi l’una nell’altra
933-2

http://www.edgarcayce.it/
[/quote1385632532]

[/quote1398954632]
http://oggiscienza.wordpress.com/2014/04/18/stimolazione-elettrica-del-midollo-spinale-quattro-paraplegici-muovono-le-gambe/

RICERCA – Quattro persone paraplegiche possono ora muovere muscoli che sono rimasti paralizzati per oltre due anni, grazie ai risultati di una nuova terapia che coinvolge la stimolazione elettrica del midollo spinale. Lo spiega uno studio pubblicato su Brain.

Ognuno dei pazienti è ora in grado di flettere volontariamente le dita dei piedi, le caviglie e le ginocchia, e i miglioramenti hanno cominciato a essere evidenti a pochi giorni dall’inizio della terapia. Il risultato è sorprendente per due dei pazienti in particolare, in quanto la paralisi non era solo motoria ma anche sensoriale: il meccanismo che invia le informazioni dalle gambe al cervello era infatti compromesso al pari di quello che, dal cervello, orienta il movimento delle gambe stesse.