Rispondi a: Il barbiere esiste

Home Forum L’AGORA Il barbiere esiste Rispondi a: Il barbiere esiste

#144580

Omega
Partecipante

[quote1399327921=orsoinpiedi]
Chi ha parlato di infinito?L'universo è finito,se non nel tempo,nello spazio.
[/quote1399327921]
Io. Secondo me, l'universo è infinito nello spazio ed eterno nel tempo. Una cosa senza limiti secondo me non può “nascere”, esiste.

[quote1399327921=orsoinpiedi]
cito:
” … E soprattutto perchè dovrei ritenerlo una entità “soprannaturale” visto che Uomini, Alberi, Pianeti, Galassie, etc sono al 100% naturali?”

Naturale in base a cosa,
[/quote1399327921]
Secondo me, un Albero o un Animale non ha caratteristiche mistiche e soprannaturali. Può comunicare “telepaticamente” (o in altri modi) con noi ma la telepatia non è nulla di mistico o soprannaturale come la radio e la televisione non hanno caratteristiche mistiche e soprannaturali. Secondo me è semplice ricetrasmissione biochimica o elettromagnetica delle informazioni. Un Albero o un Animale prova sentimenti, può amare e soffrire ma, secondo me, i sentimenti non sono caratteristiche mistiche e soprannaturali. E' una particolare configurazione dinamica della rete neuronale a generare piacere, dolore. Un Albero o un Animale sono vita, sono viventi ma secondo me una vita non è qualcosa di mistico e soprannaturale, è sufficiente costruire un DNA coerente privo di bug e la vita si manifesta. E nel caso degli umani, anche la coscienza umana si manifesta se il DNA contiene le istruzioni preposte per il libero arbitrio e se il cervello contiene i circuiti di autocontrollo e retroazione. Non trovo nulla di mistico e soprannaturale nei corpi celesti o nell'”etere”, oppure nello spazio intergalattico.. Dove dovrei guardare?

http://archivio.panorama.it/Anche-gli-alberi-hanno-un-cervello “[color=#0077EE]Anche gli alberi hanno un cervello. Le piante hanno una «testa pensante» con la quale comunicano, prendono decisioni, ricordano perfino. Alcuni ricercatori italiani sono stati tra i primi a scoprirlo.[/color]”

[quote1399327921=orsoinpiedi]
chi ha creato le leggi della “natura”Se una legge esiste, esiste anche chi quella legge ha creato,altrimenti non ci sarebbe piu niente.Una tale perfezione non è dovuta al caso
[/quote1399327921]
Secondo me, Materia-Energia sono i mattoni base che esistono da sempre, presenti in ogni livello dell'infinito, mattoni base che non hanno bisogno di creazione. Sono le creature ad aver bisogno di essere create in quanto non eterne.

[quote1399327921=orsoinpiedi]
E chi ha creato il creatore del creatore del creatore ecc…ecc..? Non c'è mai fine ai creatori?Sono sempre esistiti?La coscienza e la consapevolezza sono sempre esistiti?
[/quote1399327921]
Secondo me, è una catena infinita di creazioni, non c'è un primo creatore e una prima coscienza ma la Vita continua a ricrearsi all'infinito in entrambi i sensi. Se ci fosse il primo, non potremmo più parlare dell'infinito ed esisterebbe il problema del “prima”. E quel prima ovvero la Causa dell'inizio del Tutto non potrebbe essere Dio perché se no Dio dovrebbe essere più grande dell'infinito stesso.

[quote1399327921=orsoinpiedi]
Il DNA è L'anima?
[/quote1399327921]
Secondo me, il DNA è L'Anima, etimologicamente significa “ciò che anima”. E' il DNA a contenere il progetto biochimico di un uomo inclusi i suoi talenti, carattere, predisposizioni, ciò che siamo veramente, il Dharma o la Via da seguire, la tua verità individuale. E' inimmaginabile un essere umano senza il suo Codice Genetico. E' il DNA presente nella prima cellula dopo il concepimento a stabilire come “fabbricare” progressivamente il cervello, gli organi – tutti armonizzati l'uno con l'atro, l'intero organismo biologico, perfetto e prestabilito fin nei minimi particolari, partendo appunto dalle informazioni dell'acido desossiribonucleico. Se si potesse eliminare il DNA da un uomo quello morirebbe all'istante, anzi non potrebbe nemmeno nascere. Il DNA è la nostra essenza, il DNA irradia la frequenza dell'Essere che siamo, e dopo la morte del corpo “torna al creatore” ovvero le sue informazioni possono essere catturate e ricevute a distanza dagli Elohim – tutte caratteristiche che gli antichi stranamente davano all'anima. E' anche vero che, durante la Storia diversi mistici hanno dato alla parola “anima” anche altri significati es. “vita” o “essere” o “coscienza” o “psiche” o “sfera emotiva” ma io intendo quello che a me sembra il suo significato originario. Tra l'altro nella Bibbia è scritto che l'anima si trova nel sangue degli uomini e degli animali, perciò si parla di un qualcosa di materiale che risiede nel corpo, non qualcosa di soprannaturale che sta fuori o chi sa dove.

[quote1399327921=orsoinpiedi]
Accidenti quante anime abbiamo in corpo.
[/quote1399327921]
Secondo me, il DNA è uno solo per ogni Essere, anche se abbiamo miliardi di cellule.

[quote1399327520=suconlavita]
” La fede è una credenza provata dall'esperienza” dice Yogananda.
[/quote1399327520]
La “Fede” è l'impegno di vivere secondo coscienza; Fidarsi delle tue esperienze; aver Fiducia in quello che hai scoperto e verificato.

[quote1399327520=suconlavita]
” Se Dio ritirasse da voi la Sua attenzione cadreste a terra come passeri”
[/quote1399327520]
Se Dio sono Alieni, sono d'accordo con Yogananda. Infatti il DNA, il software biologico che ci rende Coscienze Viventi, è una creazione degli Elohim, che alcuni chiamano Dio; tolto quello, nessuno può sopravvivere.

[quote1399327520=suconlavita]
L’unico modo per cambiare le condizioni mondiali è perciò cambiare se stessi.
[/quote1399327520]
Appunto, e quando sai Chi sei nessuna istituzione può maniopolare la tua mente perché la Coscienza è superiore alla mente.

[quote1399327585=Rebel]
Ecco, avete fatto scappare manuelito, siete andati cosi fuori strada che credo che non interverrà più su questa discussione.
[/quote1399327585]
Tornerà, tornerà. L'argomento del topic è la domanda del perché la gente assorbe passivamente le proposte filosofico- religiose dell'Establishment, e la mia idea è che sono costretti ad accettare qualunque compromesso in mancanza di un'esperienza diretta della Realtà, che alcuni chiamano Dio, tutto qui. Non conta tanto la qualità della nostra esperienza poiché abbiamo talenti differenti, quello che importa davvero è che è nostra.