Rispondi a: 24 Novembre 2010

Home Forum MISTERI 24 Novembre 2010 Rispondi a: 24 Novembre 2010

#14632
Richard
Richard
Amministratore del forum

Quando una “crisi” che riguarda la Corea compare all’improvviso nei media corporativi statunitensi, la loro posizione è sempre che la Repubblica democratica popolare di Corea (la Corea del Nord socialista) ha fatto qualcosa di assolutamente irrazionale per causarla. Sono totalmente ignorati i fatti di quanto accaduto e, egualmente, ciò che li ha causati.
Sì, la Corea del Nord ha sparato sull’isola di Yeonpyeong il 23 novembre. Secondo i funzionari sud coreani, due dei loro soldati sono stati uccisi. Ma il bombardamento avvenuto alle 14:34, ora coreana. Che cosa era successo prima? Circa 70.000 militari sud-coreani sono stati mobilitati per le “esercitazioni” di guerra proprio diritto al largo del confine marittimo tra il nord e il sud – un territorio conteso. La Corea del Sud ammette di aver sparato proiettili in acque che la Corea del Nord considera suo territorio, alle 1:00 pm – più di un’ora prima della risposta del Nord.
Se la Corea del Sud e il suo gigantesco sponsor, gli Stati Uniti, avevessero voluto evitare il confronto con la RPDC, avrebbero sparato proiettili in una zona contesa? Tanto più che la Corea del Nord aveva già dichiarato che le manovre militari “simulavano un’invasione del Nord“? La provocazione arriva dagli Stati Uniti e dal regime di destra sud coreano, non dalla RPDC.
http://www.nexusedizioni.it/apri/Argomenti/Geopolitica/La-?Crisi?-in-Corea-made-in-Washington—di-G-Deirdre/
Copyright degli articoli 1995-2010 Workers World. La copia e la distribuzione di questo articolo, nella sua integrità, sono permesse con qualsiasi mezzo, a condizione che questa nota sia riprodotta.

Traduzione di Alessandro Lattanzio – Aurora03.da.ru
FONTE:
http://sitoaurora.xoom.it/wordpress/?p=650