Rispondi a: 24 Novembre 2010

Home Forum MISTERI 24 Novembre 2010 Rispondi a: 24 Novembre 2010

#14635
Richard
Richard
Amministratore del forum

[quote1291363340=contedracula]
Comunque questo cerchio, resta il più grande in Italia, mai realizzato, ma perchè a quelle latitudini?
[/quote1291363340]
https://www.altrogiornale.org/news.php?extend.6546
Torino e la Geometria Sacra (Torino)

Nell'illustrazione a fianco si osserva un legionario romano nell'atto di traguardare attraverso i fili della groma. [Da “Lessico Universale Italiano” dell'Enciclopedia Italiana Treccani]. Ottenuto il rettifilo principale, si tracciavano le linee perpendicolari fino a formare la serie di quadrati (le centurie) necessarie per la città di Torino in questione, ossia 72.
[youtube=480,385]S_rqww0u-rk

[youtube=480,385]Q7TbzaVWxlI

L'ORDINE DELLA VITA
http://www.ricerchedivita.it/ordinevitaintroduzione.htm

Attraverso il Vastupurusha Mandala si rappresenta il Divino che prende dimora sulla Terra. Poiché il tempio è considerato il luogo di tale incontro e di matrimonio fra la Terra e il Cielo esso deve avere forma quadrata. Anche gli edifici destinati agli altri scopi della vita quotidiana erano fondati sulle simmetrie del mandala, poiché l'esistenza in ogni suo aspetto tende a riflettere l'ordine divino.
Nel grande mandala quadrato ogni lato rappresenta uno dei punti cardinali fondamentali e gli angoli corrispondono ai punti cardinali secondari (figura 9).
I lati poi sono suddivisi in 8 oppure 9 quadrati dando origine ad una rappresentazione geometrica rispettivamente formata da 64 (8×8) oppure 81 (9×9) quadrati più piccoli.
Il più usato dei Vastupurusha Mandala, ha un perimetro di 32 quadrati minori, numero basilare poiché nasce dal prodotto di 8, che sono tutti i punti cardinali, e 4 che sono le direzioni fondamentali.
Al centro del Mandala è Brahma, dio della creazione.
Ad ognuno dei quadrati minori viene poi assegnata una divinità, così come agli otto punti fondamentali vengono associati gli otto pianeti un tempo conosciuti e le stelle principali di otto dei Naksatras, costellazioni o case attraversate dalla luna durante il suo corso mensile.
Nate dal contatto del cielo e della terra, derivate dal moto apparente del sole, le otto direzioni sono presiedute da un pianeta e dalla sua divinità reggente. I poteri terrestri nello spazio sono determinati dal poteri celesti nel tempo.